#screening: Lelio De Santis, test importante, forse tardivo, con schiaffo al volontariato

di Redazione | 08 Dicembre 2020 @ 12:37 | POLITICA
screening test
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “La campagna di screening con test antigienici, voluta dalla Regione e tesa ad individuare ed isolare i positivi asintomatici, ha rappresentato una positiva, forse tardiva, esperienza di contrasto alla diffusione del Covid 19″. Così Lelio De Santis, capogruppo Cambiare Insieme – Italia dei Valori in consiglio comunale.

“Le migliaia di cittadini che si sono sottoposti al tampone, sfidando freddo e pioggia, hanno dato un segnale concreto di responsabilità e di sensibilizzazione nella battaglia contro la pandemia e meritano un pubblico apprezzamento. Mi sento di ringraziare anche il Sindaco e l’Amministrazione attiva per il grande sforzo organizzativo messo in campo ed i tanti dipendenti comunali, che si sono prodigati, insieme con tutto il personale sanitario, solerte ed indispensabile allo scopo”.

E continua: “Al di là della piena o parziale attendibilità scientifica dei test antigienici, mi preme rimarcare il valore civico, oltre che sanitario, della mobilitazione cittadina e provinciale”.

La critica

“Mi dispiace, però, nel momento in cui c’è bisogno di unità e di collaborazione, sottolineare l’esclusione di fatto delle Associazioni del volontariato, da sempre strutture al servizio della collettività, dalla partecipazione a questo grande sforzo organizzativo. Al di là delle motivazioni, anche denigratorie, addotte dal funzionario coordinatore delle attività, rimane la brutta pagina in un bel libro, scritta dall’impulso o dall’arroganza di un funzionario, che, magari sostituendosi anche al Sindaco, crede di essere il comandante delle truppe. Siccome ritengo che, chiusa positivamente questa campagna di screening, vada fatta chiarezza sulla vicenda e su eventualità responsabilità, chiederò la convocazione della commissione di vigilanza e controllo”, conclude.             


Print Friendly and PDF

TAGS