Scoppito, Villa del Carmine: tanta la tensione ma i nostri nonnini protetti dal contagio

di Matilde Albani | 29 Maggio 2020 @ 06:05 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

SCOPPITO – Secondo le stime europee almeno la metà dei morti di coronavirus era residente in case di riposo e residenze per anziani.

A Villa del Carmine, casa protetta per anziani di Scoppito, i 43 ospiti  non sono stati investiti dal contagio anche se “la preoccupazione è stata tanta – racconta a Laquilablog la direttrice  Michela Frattale. – Avevamo già i dispositivi di protezione da febbraio e abbiamo disciplinato gli accessi. I nostri nonni, hanno potuto vedere i parenti dalle vetrate e il nostro personale è diventato la loro famiglia. Gli infermieri sono diventati barbieri, parrucchieri ed estetiste e hanno dormito nella struttura. Abbiamo effettuato tamponi post mortem con risultati negativi e proprio oggi sono arrivati gli esiti di altri controlli: tutti negativi sia per il personale che per gli ospiti”, sottolinea la Frattale.
“Vogliamo andare avanti così, con le nostre attività. Siamo  riusciti ad evitare l’ingresso del virus e anche per questo la nostra consueta festa di luglio, in sicurezza, ci sarà”.


Print Friendly and PDF

TAGS