Scoppito si ripensa, una variante al Prg per adeguarsi alle trasformazioni del territorio

di Alessio Ludovici | 20 Dicembre 2020, @06:12 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

SCOPPITO – E’ affidata all’architetto Francesco Nigro la variante al Prg di Scoppito, dopo le rinunce dello studio precedentemente incaricato. Dovrà attenersi agli “Obiettivi e Linee Guida per la redazione della Variante al vigente Piano Regolatore Generale” approvati dalla giunta comunale nel 2017. L’obiettivo è comprendere a fondo le problematiche di gestione e trasformazione urbana del territorio intervenute dopo il sisma e nel corso degli anni. Sulla base di queste trasformazioni sarà redatta la variante. Diversi le questioni da affrontare. “L’analisi delle problematiche residenziali e non. Il riequilibrio della destinazioni d’uso del PRG vigente non più adeguate alle attuali esigenze e un’adeguata previsione e revisione, dove ritenuto necessario, di nuova viabilità e parcheggi sia a servizio di eventuali nuove aree di insediamento che di quelle esistenti.

L’esigenza dell’adeguamento del Prg di Scoppito

La popolazione di Scoppito è costantemente cresciuta negli ultimi decenni, un dato in controtendenza con quasi tutti i comuni limitrofi. Tanti gli aquilani che vi si sono trasferiti prima del sisma e ancora di più dopo. Da meno di 3000 abitanti di inizio millennio si è passati ai quasi 4mila residenti odierni. La sfida della pianificazione del territorio e dei servizi, alla luce delle nuove esigenze, diventa sempre più importante. 


Print Friendly and PDF

TAGS