Sassa, tir distugge balcone di una casa

di Redazione | 06 Agosto 2020 @ 17:11 | CRONACA
Print Friendly and PDF

SASSA – Nelle prime ore del pomeriggio, in via Duca degli Abruzzi a Sassa, un tir dii grosse dimensioni ha demolito un balcone di una palazzina abitata. Sul posto si era creato un ingorgo con tre tir di grosse dimensioni, diversi camion e tre autobus.

“Non è una sfortunata casualità, ma situazione gravissima nota e segnalata da noi da tempo. Come ben sapete abbiamo mantenuto sempre alta l’attenzione sulla situazione gravissima in cui ci troviamo: viabilita e vivibilità compromesse a causa di un flusso di traffico sovradimensionato e velocità eccessiva”, lo afferma in una nota su Facebook Quirino Crosta, Segretario Circolo Territoriale Pd Sassa,

“Abbiamo proposto continuamente soluzioni da attuare nel breve e lungo termine: attraversamenti pedonali rialzati, segnaletica orizzontale e verticale, autovelox, dirottamento del traffico pesante e nuova viabilità – continua. Lo abbiamo fatto nelle sedi spontanee delle assemblee pubbliche, alla presenza degli ex assessori Piccinini, Imprudente e Liris negli incontri dell’11 dicembre 2017 e del 25 luglio 2018. Inspiegabilmente senza alcun riscontro, eccezion fatta per la lacunosa e pericolosa proposta dei semafori, che di fatto creerebbero una pericolosa pista di accelerazione. La popolazione è “inguastita”, come mi è stato chiesto di riportare.  La situazione è ben nota da tempo, il nostro circolo, attivo con la mia segreteria da ottobre 2017, ha costantemente segnalato la situazione e costantemente tenuto il punto sulle proposte che ho riportato nella mail, nelle proposte al PUMS e nelle osservazioni allo steso che ho inoltrato dieci giorni fa”.

“Non ultimo, cito quanto deliberato ad unanimità dal consiglio comunale straordinario del 27 maggio 2019, durante il quale abbiamo sottoposto la questione Viabilita insieme ad altre situazioni di degrado nella frazioni.
Valuteremo la possibilità di inoltrare formale diffida al Comune e alla Provincia sull’inadempienza e sulla mancanza di risposte”, conclude Crosta.

Il Consigliere Comunale  del Partito Democratico de L’Aquila, Stefano Palumbo, afferma in una nota: “Sono passati la bellezza di 268 giorni dalla mia richiesta formalizzata al presidente della commissione territorio del comune dell’Aquila di convocare, alla presenza del presidente della provincia e dell’assessore comunale alle opere pubbliche, una riunione sull’argomento. A questo punto non resta che autoconvocare una riunione in mezzo la strada in modo che gli amministratori che decideranno di partecipare potranno constatare dal vivo a quali condizioni sono sottoposti gli abitanti di Sassa, inaccettabili”.

 


Print Friendly and PDF

TAGS