Sanità, pre-liste di attesa. D’Alfonso: “La regione Abruzzo inventa i dati”

di Redazione | 28 Giugno 2024 @ 14:52 | SANITA'
endoscopia
Print Friendly and PDF

“C’è un dato esplosivo in questa regione delle stranezze. 1) la Regione Abruzzo si avvale dell’invenzione bugiarda delle pre-liste di attesa nella sanità. Tali pre-liste non sono contemplate dalla normativa.

2) per monitorare le liste di attesa – quelle vere – il Ministero della Salute si avvale dell’istituto della settimana-indice. Creando le pre-liste, quei numeri non entrano nel computo della settimana-indice. Compaiono solo le liste ma non le pre-liste. Dunque i dati sulle liste di attesa consegnati dalla Regione al Ministero sono falsi come monete da tre euro, che non esistono.

3) quantifichiamo i numeri delle pre-liste: a Pescara contengono 2.000 nominativi annotati a matita, a Teramo 6.400, a Chieti ben 21.500, mentre a L’Aquila esistono rocambolescamente i “foglietti volanti”. Non sono cifre trascurabili: bene fa la magistratura a indagare.

4) sarebbe interessante sentire i vertici delle ASL, liberati dalle pressioni telefoniche, dagli spintonamenti estetici, poiché a più riprese si lamentano di questa gara a mascherare e incipriare. Al Ministero dell’Economia e delle Finanze c’è una persona serissima che per sicuro sa ricostruire l’intero della verità e la sa mettere sul tavolo finalmente denudata”. Così in un comunicato l’On. Luciano D’Alfonso.


Print Friendly and PDF

TAGS