S. Maria Mediatrice in Valle Pretara, in festa per una nuova struttura pastorale

Sarà il cardinale Petrocchi a tagliare il nastro di una struttura pastorale, finanziata dalla CEI per il quartiere di Valle Pretara

di don Daniele Pinton | 19 Giugno 2021 @ 13:29 | CREDERE OGGI
Print Friendly and PDF

La popolosa parrocchia di S. Maria Mediatrice in Valle Pretara, nella periferia della Città di L’Aquila, domani 20 giugno 2021, sarà in festa con il Cardinale Arcivescovo Giuseppe Petrocchi e il parroco, don Martino Roberto Gajda, per l’inaugurazione di una nuova struttura pastorale, che fungerà da Cappella provvisoria fino al restauro della Chiesa parrocchiale gravemente danneggiata dal sisma del 2009.

Il programma della mattinata sarà sobrio, per garantire il rispetto delle norme contro il covid-19, e consisterà alle ore 10:00, nel taglio del nastro da parte del cardinale Petrocchi e a seguire dalla Santa Messa domenicale, da lui presieduta nella nuova struttura pastorale.

Quando nel 2013 don Martino è diventato parroco di San Maria Mediatrice, la Chiesa parrocchiale di Valle Pretara, che era rientrata tra le cento Chiese che dovevano essere riaperte per il Natale 2009, era ancora chiusa, in quanto le somme deliberato dall’allora Ufficio Governativo di ricostruzione, erano servite soltanto per intervenire nel consolidamento strutturale della Chiesa e quindi il luogo dove poter celebrare quotidianamente la Santa Messa, era una stranza al piano terra della canonica, certamente non adatta per una comunità che gradualmente stava rientrando nelle sue case.

Da subito il parroco si è adoperato sia con il Comune di L’Aquila, come anche con il Provveditorato alle Opere Pubbliche, per avere tempi certi di riconsegna della Chiesa. Poi, in seguito alla legge 125 del 2015, essendo la Chiesa parrocchiale di Valle Pretara non di interessa artistico, in quanto di realizzazione posteriore al 1960, è rientrata tra le strutture di diretta pertinenza del Provveditorato e per la mole degli interventi, pur essendoci oggi una ‘accellerata’ nella fase di valutazione del progetto di recupero della struttura, la parrocchia necessitava di uno spazio adatto alla ripersa delle attività pastorali e cultuali.

In accordo con il cardinale Arcivescovo, nel gennaio 2017, don Martino si è messo in contatto con la Caritas Italiana per presentare la situazione problematica in cui si trovava la parrocchia e il quartiere di Valle Pretara, chiedendo di sostenere la costruzione di un Centro di Comunità per garantire le attività di culto, di pastorale, ma anche quelle caritativo sociali.

Dopo poco più di un anno di confronto e dialogo con Caritas Italiana, il 29 maggio 2018, il dott. Mauro Salvatore, Economo della CEI, ha comunicato al Cardinale Petrocchi che la Presidenza della CEI, riunitasi il 21 maggio 2018, ha approvato un finanziamento finalizzato alla costruzione del Centro Pastorale Parrocchiale di S. Maria Mediatrice, nel luogo dove precedentemente sorgeva il circolo ACLI di Valle Pretara.

A quel punto, il parroco, sentito il parere del Consiglio per gli affari Economici della Parrocchia di S. Maria Mediatrice, dopo avere avuto la previa autorizzazione dell’Ufficio Tecnico della Curia aquilana, ha nominato l’Ing. Virginia Rosa, progettista e direttore dei lavori per la realizzazione della nuova struttura parrocchiale, finanziata interamente con i contributi della Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana.

I lavori, iniziati nel maggio 2019, vedono oggi, nonostante le difficoltà e i rallentamenti per la pandemia da covid-19, questa nuova struttura in cemento armato e tetto in legno, costruita nel rispetto delle vigenti normative antisismiche e con criteri di alto efficientamento energetico, che con i pannelli fotovoltaici, i pannelli solari, la struttura isolata con cappotto termico e gli infissi a basso emissivi, si sviluppa in 140 mq, di cui circa 120 mq saranno destinati all’aula liturgica e il resto degli spazi ai sevizi per la comunità.

Il parroco don Martino, ascoltato dalla redazione di Laquilablog, afferma di essere molto lieto, perché,

dopo tanti anni di sofferenza, la comunità parrocchiale di Santa Maria Mediatrice molto legata al proprio territorio, grazie al sostegno del Cardinale Arcivescovo Giuseppe Petrocchi e di tante altre persone benevole, riceve in dono una nuova aula pastorale. Vorrei che questa struttura diventasse un luogo della preghiera, dell’incontro, della crescita, della formazione umana e spirituale. Dall’altro lato non posso però, non dimostrare la mia delusione e amarezza che, a dodici anni dal terremoto, dopo tante dichiarazioni e promesse, la ricostruzione della nostra chiesa è ancora ferma, lo ritengo ingiusto e inconcepibile. Il bellissimo quartiere di Valle Pretara, con la sua buona e generosa gente, non può essere dimenticato ma, va valorizzato e ricostruito con le sue case, con la scuola e la Chiesa.

Anche la progettista e direttrice ai lavori, Ing. Virginia Rosa, ha voluto dare voce a questo momento di gioia per la comunità parrocchiale di Valle Pretara ed ha affermato che

per un tecnico, essere chiamato a realizzare una struttura ad uso pastorale, per la parrocchia, dove vive attivamente la sua partecipazione cristiana, è non solo un onore ma anche una gioia nell’aver contribuito a restituire al popoloso quartiere di Valle Pretara, un punto di riferimento sia in ambito liturgico ma anche in una dimensione aggregativa e sociale.


Print Friendly and PDF

TAGS