Rugby, al Fattori i neroverdi alla conquista dei 5 punti

di Enrico M. Rosati | 27 Febbraio 2024 @ 15:47 | SPORT
fattori
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Una situazione fitta quella del quarto girone della Serie B, La Rugby vola in prima posizione già dalle prime partite, imponendosi sulla competizione, ma il Frascati insegue senza tregua, provando a fare il massimo per chiudere il vantaggio e conquistare il primo posto. Fondamentale sarà la partita che verrà giocata domenica prossima, proprio contro il Frascati.

Il Catania è una squadra molto pesante che lo scorso anno ha messo a dura prova la mischia aquilana, e ci si può aspettare placcaggi pesanti e presenza sul campo già dalle prime battute di gara mentre nel gioco aperto La Rugby dovrebbe essere impossibile da fermare.

Gli aquilani, affamati di 5 punti in classifica, puntano a dettare da subito il ritmo infatti le prime mete sono tutte di fattura neroverde. Un primo tempo che si racconta da solo sul punteggio di 34 a 7. Il punto forte degli aquilani, che sembra davvero separarli dal resto della Serie B e da una buona fetta della Serie A è la capacità di saper adattare il gioco agli avversari, capendo le falle e capitalizzando le azioni su queste. Un esempio chiaro del primo tempo è la rilevanza data a Petrolati che porta a casa ben 3 mete.

Riuscire a girare il match a proprio favore giocando le carte giuste è un valore raro che questa squadra giovanissima possiede e fa la differenza . Nessuna squadra è perfetta e comprendere lo spazio di azione in questo sport, così fisico, è tutto.

Il secondo tempo vede un’azione meravigliosa che nei primi 10 minuti porta a meta i neroverdi proprio allo scoccare dei 10 minuti di gioco. Il Catania non può demordere e deve puntare a conquistare almeno il bonus difesa ma La Rugby non cede nemmeno mezzo metro. Ogni qualvolta la palla arriva nel campo aquilano si ritorna indietro con un calcetto e ogni occasione di attacco viene sventata con placcaggi puntuali e durissimi.

Il Catania non cede, quando si gioca al Fattori infatti bisogna sempre spingere al massimo per rispetto del luogo in cui ci si trova. Un tempio del Rugby come lo stadio aquilano va sempre onorando mettendo oltre il massimo di se stessi. Il 18simo del secondo tempo vede un’azione del Catania che riesce a infiltrarsi tra le linee aquilane e andare a meta, trasformando correttamente.

41- 14

Se si vede il punto d’incontro questa partita potrebbe essere tra le più puntuali e precise della stagione.

Il secondo tempo è molto più conteso del primo, regalando ai tifosi ottime azioni da ricordare. Tra queste una meta al 25simo che nasce da un principio di maul. Incredibilmente precise le trasformazioni neroverdi.

Il risultato continua a crescere premiando la forte fantasia aquilana, che dopo un’ennesima meta di Brivido, sale a 53 – 14.

La partita è ormai al culmine quando gli aquilani, prendendo palla nei propri 5 metri, iniziano un’avanzata impossibile da fermare che in 3 fasi si conclude con un fallo proprio tra i pali del Catania. Una mischia tra i pali è sempre incredibilmente difficile da difendere, specie se come in questa partita c’è una netta differenza tra i due pacchetti di mischia. La forza neroverde viene premiata e non appena il pallone esce dalla mischia gli aquilani conquistano un’ulteriore meta. Il Catania perde lo stimolo difensivo, mollando, e regalando una meta al 40simo alla Rugby.

Così, 67 a 14, si chiude il match.


Print Friendly and PDF

TAGS