Romano (Iv) vs Biondi: “interrogherò il sindaco sulla moc dell’Ospedale”

di Redazione | 14 Aprile 2021 @ 11:25 | POLITICA
L'AQUILA precari Abruzzo Engineering san salvatore ospedale
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Si infiamma il dibattito politico in materia sanitaria. Paolo Romano, capogruppo in consiglio comunale di Italia Viva, si rivolge al sindaco dell’Aquila, massima autorità sanitaria cittadina, sul mancato ripristino del macchinario MOC nel presidio ospedaliero dell’Aquila.
 
“Non si muore di solo Covid, ma anche di mancata diagnostica e prevenzione sulle altre malattie. Interrogherò formalmente in Consiglio Comunale il sindaco dell’Aquila sul macchinario Moc per gli esami sulle patologie osteoporotiche che da più di un anno non risulta essere più disponibile nel presidio ospedaliero dell’Aquila”. Così il consigliere renziano esordisce rivolgendosi direttamente al sindaco a mezzo stampa.
 
“Interrogherò il sindaco per due ordini di motivi: il primo perché è oramai chiaro che il manager Asl Testa abbia mentito rispondendo alla mia nota interlocutoria del 1 marzo avendomi egli rassicurato sulla ripresa del servizio per il 6 dello stesso mese; il secondo motivo è perché ritengo sia arrivato il momento che Biondi, massima autorità sanitaria del Comune, presidente del Comitato ristretto dei Sindaci, cominci a occuparsi anche di risolvere le criticità di carattere sanitario presenti sul territorio aquilano e la smetta di dare risalto solo alle notizie positive, frutto tra l’altro degli altrui risultati.”
 
“Solo due giorni fa infatti, Biondi si era appropriato della notizia sull’attivazione del servizio Asl di vaccinazione a domicilio per le persone con fragilità intrasportabili e per gli ultra 80enni, riscuotendo un immediato e facile ritorno di immagine”.
 
“Ma un sindaco dovrebbe occuparsi anche dei problemi della gente come il mancato ripristino del macchinario Moc che costringe i cittadini che ne hanno bisogno a recarsi a Pescina o Tagliacozzo. La Moc è in larghissima parte vitale proprio per gli anziani, quegli stessi che in queste settimane si affollano, insieme alle persone fragili, davanti alle scuole di via Ficara, tutti in attesa del vaccino, in piedi sotto ogni clima o seduti su sedie disposte sulla carreggiata stradale”.
 
“Riconosco che, soprattutto in questo caso, la denuncia darebbe la certezza di essere stati parte del problema nel non aver saputo individuare sedi idonee alle vaccinazioni o di non saper partecipare ad una pur tardiva soluzione, ma esorto Biondi ad avere coraggio, a pensare meno alle strategie comunicative per l’imminente campagna elettorale e più ai suoi cittadini”, conclude la nota di Romano. 
 

Print Friendly and PDF

TAGS