“Rivincita della militanza contro l’antipolitica”, Fratelli d’Italia guarda lontano

di Alessio Ludovici | 23 Giugno 2022 @ 06:00 | POLITICA
Fratelli d'Italia
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – In attesa dei ballottaggi per i Fratelli d’Italia abruzzesi è già tempo di bilanci. Ieri a L’Aquila la conferenza stampa del partito con il segretario regionale Etelwardo Sigismondi, il rieletto sindaco della città dell’Aquila Pierluigi Biondi, l’assessore regionale Guido Liris, il sottosegretario alla presidenza della Giunta regionale e consigliere di FdI, Umberto D’Annuntiis, e la coordinatrice Fdi della provincia di Teramo, Marilena Rossi.

A snocciolare i risultati è Sigismondi: “Fratelli d’Italia e il centrodestra escono nettamente vincitori, senza timore di smentita, da questa tornata elettorale. In particolare il nostro partito conquista un risultato importantissimo, sia per la considerevole crescita in termini percentuali, sia per la riconferma di uno dei nostri dirigenti di spicco, il sindaco Pierluigi Biondi, alla guida della città capoluogo d’Abruzzo. La vittoria a L’Aquila ha un duplice significato: la classe dirigente di FdI è matura, pronta e dotata di grande capacità amministrativa; al tempo stesso, l’azione politica del centrodestra gode di alto consenso.” 

“È da rilevare come il risultato complessivo della coalizione di centrodestra, nei comuni a doppio turno, segni un consistente incremento di voti, rispetto al passato, cui bisogna aggiungere le rilevanti vittorie nei comuni a turno unico.  Dati e fatti che dimostrano il grande apprezzamento che in Abruzzo c’è nei confronti di Fratelli d’Italia, del centrodestra e delle amministrazioni guidate dalla nostra coalizione ad iniziare dal lavoro svolto in Regione dal Presidente Marsilio. Tutto ciò proietta il centrodestra ad essere la compagine favorita alle prossime elezioni politiche e alle regionali del 2024. Scottante è stata, invece, la sconfitta della coalizione di centrosinistra i cui esponenti hanno invano lavorato alla costruzione di un ‘campo largo’, infatti se si analizzano i risultati e le conseguenti faide post voto, si è piuttosto delineato un ‘campo dilaniato’ incapace di rinnovarsi e di apparire credibile agli occhi dell’elettorato. Non ci soffermiamo sul dato del Movimento 5stelle, soffocato dall’egemonia del Partito Democratico che ha portato al crollo elettorale e alla scissione delle ultime ore”.

“Fratelli d’Italia – ha dichiarato invece l’assessore regionale, Guido Quintino Liris – diventa il punto di riferimento di una coalizione che oggi rappresenta un modello da esportare in tutta la regione e su tutto il territorio nazionale. Il centrodestra unito, a trazione FdI è una garanzia per gli elettori e soprattutto per gli elettori di cdx che apprezzano la compattezza in grado di determinare proposte politiche e programmatiche vincenti. Elemento attrattivo, questo, anche di forze non politiche e partitiche. Pertanto siamo di fronte ad una classe dirigente che si mostra all’altezza dei tempi che stiamo vivendo e che dopo questa tornata elettorale si prepara alle sfide dell’anno prossimo: la città di Teramo a livello regionale, e le elezioni politiche a livello nazionale, creando i presupposti per una conferma del cdx in Regione fra due anni”.

E’ Pierluigi Biondi a entrare a piedi uniti dentro il clima politico nazionale. A parlare è una volta tanto il Biondi uomo di partito più che il sindaco. Prima però mette in fila un paio di dati per rimarcare la vittoria del 12 giugno: “Fratelli d’Italia a L’Aquila ha ottenuto non solo il miglior risultato nei capoluoghi di provincia chiamati al voto due domeniche fa ma di tutte le amministrative che si sono svolte da quando è nato il partito. ” Secondo elemento: “Dal 1994, anno di entrata in vigore della legge che consente l’elezione diretta dei primi cittadini, a L’Aquila mai una coalizione ha ottenuto oltre il 58% delle preferenze come accaduto a quella di centrodestra e mai un candidato sindaco ha superato il 54% delle preferenze come accaduto il 12 giugno scorso. È stata una tornata elettorale epocale.”

E quindi il Biondi politico: “Il partito è cresciuto sull’intero territorio dove governa in alcune delle città più importanti della provincia, ha visto molti sindaci e amministratori confermati in queste ultime elezioni, ed è pronto a fare la sua parte in occasione delle prossime elezioni politiche e regionali.”

“La crescita di Fratelli d’Italia – insiste Biondi – in questi anni è stata straordinaria, dal 5,7 delle comunali 2017, al 12% per cento delle regionali con il 14% all’Aquila per arrivare al 20,5% di oggi, il voto di 7mila aquilani. In provincia faremo la nostra parte alle politiche e alle regionali. Abbiamo confermato il sindaco a Balsorano e governiamo Celano, Castel di Sangro, Civitella Roveto, Trasacco, Pescina, Scuricola, Magliano, Montereale, Navelli, Fossa, Villa Sant’Angelo, Collepietro, Capestrano. Dove non governiamo direttamente abbiamo vicesindaci come a Carsoli, a Pizzoli, a Roccaraso, a Scanno. E’ un vero partito, non un comitato elettorale che si govnzia e si sgonfia, un partito del territorio dove grazie all’aiuto di Guido curiamo ogni minimo dettaglio.”

“Siamo un segnale importante, dobbiamo tornare a partiti presenti nella società e nell’amministrazione, dire addio a quel taxi civismo che si presenta sotto mentite spoglie e poi fa quasi sempre accordi strutturali con il centrosinistra va smascherato. Per quelli come noi, che abbiamo fatto una militanza nei partiti, è la rivincita della politica contro l’antipolitica”. E’ qui forse il punto principale delle parole di Biondi, figura simbolo di un partito che ormai guarda lontano e spera di essere la forza aggreditrice di un elettorato di centrodestra che pure nel corso degli anni di proposte politiche ne ha testate tante, spesso antitetiche tra di loro: dal liberalismo della prima Forza Italia al salvinismo, passando per il federalismo, con puntate sul M5S o neo-centriste. Ora tocca a Fratelli d’Italia e la sfida   e l’ambizione sembrano essere quelle di provare ad incarnare culturalmente il perno del centrodestra per molti anni a venire. 


Print Friendly and PDF

TAGS