Rivalutazione Istat per i contributi della ricostruzione, decreto congiunto USRA USRC

di Redazione | 12 Settembre 2020, @12:09 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Usra e Usrc hanno firmato un decreto congiunto per indicizzare, in base alle rivalutazioni Istat, i contributi per la ricostruzione privata nei centri storici dei comuni del cratere. Si tratta di una novità importante, poiché è la prima volta dal 2009 che si parla di indicizzazione ed adeguamento dei costi, provvedimenti contenuti in un decreto a firma congiunta dei Dirigenti degli Uffici Speciali.

Specificatamente il decreto disciplina le modalità con le quali è riconosciuto l’adeguamento dei costi parametrici sulla base della indicizzazione dei costi degli interventi, sia per le richieste di contributo per le quali non è stato emesso il provvedimento definitivo da parte degli Uffici Speciali sia per quelle per le quali il provvedimento è già stato emesso.

Il Decreto definisce le modalità di riconoscimento ed erogazione delle somme derivanti da tale indicizzazione sia per i cantieri da avviare, sia per i residui lavori mancanti, per i cantieri in corso. Al fine di individuare il valore di incremento percentuale è stato applicato un criterio di ponderazione dell’indice ISTAT del costo di un fabbricato residenziale oggi disponibile e quello disponibile alla data di introduzione del modello parametrico, occorsa con Decreto USRA n. 1 del 21 gennaio 2013. “Alla data di pubblicazione del presente Decreto – si legge nell’atto – l’incremento degli importi applicabile viene apprezzato nella misura pari al 3%, come da rilevazione ISTAT del luglio 2020, su base 2015.” Saranno quindi rideterminati nella misura del 3% i contributi concedibili o concessi limitatamente agli importi non ancora liquidati. L’indicizzazione sarà oggetto di aggiornamento biennale.

In ogni caso sta al richiedente il contributo fare richiesta di adeguamento presso gli Uffici Speciali nei termini stabiliti dal decreto stesso. 

 


Print Friendly and PDF

TAGS