Risarcimento per ingiusta detenzione, nuova manifestazione davanti il parlamento

di Redazione | 12 Settembre 2020 @ 17:53 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

ROMA – Autorizzata dalla questura di Roma la manifestazione di mercoledi’ 7 ottobre prossimo.

“Alle ore 10  di quel giorno saro’ nuovamente davanti Montecitorio a manifestare per chiedere al parlamento di abrogare un comma anticostituzionale che vieta il risarcimento per ingiusta detenzione a coloro i quali pur se assolti con sentenze definitive, avrebbero contribuito con il loro comportamento a favorire il proprio arresto. Ma puo’ una persona favorire il proprio arresto? Io credo di no, e’ contro natura. Ma per la legge italiana e’ possibile”

Così Giulio Petrilli del comitato per il diritto al risarcimento per ingiusta detenzione a tutti gli assolti.

“Abrogare un comma del genere, palesemente anticostituzionale, il primo dell’articolo 314 del codice di procedura penale e’ quello che chiedero’, che chiederemo davanti il parlamento il prossimo 7 ottobre. Invito tutti a partecipare, lo Stato di diritto va affermato con le lotte. L’ingiusta privazione della liberta’ personale va risarcita sempre. La commissione petizioni del parlamento europeo – conclude – mi ha detto che ho ragione, loro per il momento non possono interferire ma si sono impegnati a creare una legge europea che sancisca il diritto al risarcimento per tutti gli assolti”.

Print Friendly and PDF

TAGS