Ripartenza Univaq, mix di presenza e distanza. Pitari: “Vogliamo che tutto sia più normale possibile”

di Matilde Albani | 11 Settembre 2020 @ 06:16 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Cominciano a chiarirsi le modalità di ripartenza dell’anno accademico dell’Univaq, gli studenti fuori sede, in attesa di notizie certe, temporeggiano per l’alloggio. Insistenti le richieste di informazioni da parte degli studenti, l’Unione degli Universitari sta facendo il punto sulla propria pagina Facebook: “Stiamo interpellando tutti i dipartimenti e i CAD – scrivono – per raccogliere quante più informazioni e le più accurate possibili sul rientro in università dopo le ultime dichiarazioni a mezzo stampa del Rettore”. Il ritardo potrebbe costringere a non prendere l’alloggio, o al contrario a prenderlo per poi ritrovarsi a seguire le lezioni online, alcuni, secondo la professerossa Pitari, comunque preferirebbero prendere l’alloggio anziché pendolare considerato il rischio di contagio sui mezzi pubblici.
Le primissime risposte sono comunque arrivate dai Dipartimenti di Mesva e Scienze Umane. Proprio ai Dipartimenti, in ultima istanza, è stata demandata la decisione su come ripartire.
Il principio comune, per il momento, sembra essere quello di di tenere le matricole in aula, e se numerose sdoppiandole in più aule con lo streaming, per gli altri dipenderà dalle esigenze di ogni corso, e anche dei docenti, alcuni dei quali potrebbero avere problemi con la didattica in presenza. 
Il Mesva, per quanto riguarda le triennali, avrebbe deciso di fare i corsi dei primi due anni in presenza, mentre gli iscritti del terzo anno seguiranno le lezioni a distanza. 
Per quanto riguarda Scienze umane, la didattica in presenza dovrebbe riguardare i corsi di laurea magistrale ed il primo anno dei corsi di laurea triennale. Alcuni corsi, quelli più grandi come il primo anno di Formazione Primaria ed il primo anno di Scienze della formazione e servizio sociale, si svolgeranno comunque in modalità mista, per divisione a gruppi durante la settimana o in condivisione streaming su più aule. Secondi e terzi anni delle lauree triennali saranno invece integralmente garantiti dalla didattica a distanza. Novità anche da DIIE, dove si starebbe sviluppando anche un’app per la gestione degli spazi, per la prenotazione delle aule e dei posti in sala studio. Per la didattica la triennale al DIIE dovrebbe iniziare tutto in presenza con dei canali aggiuntivi per i corsi più grandi. Per Economia, visti gli spazi ridottissimi, in presenza dovrebbe partire solo il primo anno della triennale e della magistrale. Abbiamo ascoltato Giusi Pitari, docente dell’Ateneo, che spiega la situazione ovviamente non è facile e che sarà comunque garantita la didattica a distanza per qualsiasi evenienza, “vorremmo – dichiara – che tutto sia il più normale possibile, soprattutto per le matricole”. (Servizio di Matilde Albani e Alessio Ludovici)
 
 
 

Print Friendly and PDF

TAGS