Riforma degli appalti pubblici, ciclo di seminari di Ance, Comune e Provincia dell’Aquila

di Alessio Ludovici | 24 Maggio 2023 @ 06:00 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Un ciclo di seminari, organizzato da Ance, Comune e Provincia dell’Aquila per inquadrare le novità del nuovo codice dei contratti pubblici. Una vera e propria mini riforma che, questo l’auspicio, potrebbe avere impatti positivi anche sulla ricostruzione pubblica dell’Aquila.

 “Alla luce della grande sfida del Pnrr, da ‘mettere a terra’ per realizzare presto e bene tante e importanti opere pubbliche, il ciclo di seminari varato grazie alla sinergia con Ance e Comune dell’Aquila, rappresenta una fondamentale occasione per far conoscere a fondo la complessa normativa del nuovo Codice. Un’iniziativa unica in Italia per la levatura dei relatori coinvolti, che darà importanti e concreti frutti”. Con queste parole, il presidente della Provincia dell’Aquila, Angelo Caruso, fissa gli obiettivi e le tempistiche del corso di formazione e divulgazione, scandito in sei seminari, dedicati alla conoscenza del Nuovo codice dei contratti pubblici, rivolto a imprese ed enti appaltanti, nato dalla collaborazione tra Associazione nazionale costruttori edili (Ance) dell’Aquila, Comune dell’Aquila e Provincia dell’Aquila.

A presentare l’iniziativa insieme al presidente Caruso, il vicesindaco al Comune dell’Aquila, Raffaele Daniele e il presidente di Ance L’Aquila, Gianni Frattale con l’imprenditore Ance Enrico Ricci, che modererà i seminari. “La nostra associazione – ha commentato Frattale – ha il compito di trasmettere la cultura imprenditoriale, fatta di regole, trasparenza e legalità. Ebbene, per quanto riguarda le regole, mai come oggi è necessaria un’approfondita conoscenza del nuovo Codice, che ha aspetti interpretativi non scontati e inediti, oltre che criticità, come la normativa dei subappalti, che a mio modo di vedere necessità di qualche aggiustamento”. “Come amministrazione comunale – il commento di Raffaele Daniele – abbiamo accolto con grande entusiasmo questa iniziativa. Per i nostri funzionari rappresenterà un importante momento di formazione, alla luce delle sfide che ci aspettano, e per prevenire la cosiddetta burocrazia difensiva, che emerge quando le normative da applicare non sono padroneggiate e conosciute al meglio”. 

 

Gli appuntamenti

Primo appuntamento il 26 maggio, con relatori Donato Cavallo, direttore Aric (“Qualificazione delle stazioni appaltanti”) e con Fausto Troilo, avvocato (“Sintesi delle novità”). Secondo seminario il primo di giugno, con Raffaele Greco, presidente di sezione del Consiglio di Stato (“Programmazione e progettazione”), e con Fausto Troilo, (“Procedura di gara e accesso agli atti”). Terzo seminario il 6 giugno, con Roberto Colagrande, avvocato (“Il contenzioso”) e Germana Panzironi, presidente Tar Abruzzo (“Ipotesi di responsabilità”). Quarto seminario il 16 giugno, con Wally Ferrante, avvocato dello Stato (“Requisiti di partecipazione e cause di esclusione”), e Domenico De Falco, consigliere Tar Campania (“I settori esclusi dei contratti pubblici”). Quinto seminario il 23 giugno, con Elena Tomassini, consigliere di Corte dei conti (“Ipotesi di responsabilità erariale nel nuovo codice degli appalti”), e con Dario Simeoli, consigliere di Stato (“Le concessioni”). Infine il 29 giugno, sesto e ultimo seminario con Hadrian Simonetti, presidente di sezione del Consiglio di Stato, (“L’esecuzione del contratto”) e con Carlo Saltelli, presidente di sezione del Consiglio di Stato, (“Gli affidamenti sotto soglia”). Al termine del ciclo di seminari si organizzerà una importante tavola rotonda per tirare le somme e tracciare un bilancio.


Print Friendly and PDF

TAGS