Ricostruzione scuole, venerdì il consiglio straordinario. Giannangeli: “Appello alla città a partecipare”

di Alessio Ludovici | 18 Maggio 2023 @ 06:00 | POLITICA
scuole
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Si terrà questo venerdì, 19 maggio alle 15 all’Emiciclo, il consiglio comunale straordinario sulla ricostruzione delle scuole richiesto dalle opposizioni unite dell’assise aquilana. E dalle opposizioni, in una conferenza stampa a Villa Gioia, è arrivato l’appello alla cittadinanza a partecipare. 

A illustrare i motivi della richiesta di consiglio straordinario i consiglieri comunali Simona Giannangeli, Stefano Albano, Stefania Pezzopane e Lorenzo Rotellini. “Il comune – ha spiegato la Giannangeli – dopo sei anni non può nascondersi dietro alle difficoltà burocratiche o della mancanza di una parte dei fondi come se, ad oggi, non ci fossero stati i soldi e le possibilità di definire un progetto a lungo termine sulle scuole”. L’ordine del giorno presentato dall’opposizione si focalizza in particolare su quattro punti principali: avere un quadro dettagliato su localizzazioni, tempi e fondi della ricostruzione delle scuole, e poi la richiesta di creare un assessorato alle scuole e al diritto alo studio e di attivare un tavolo permanente con il mondo scolastico e gli Stati Generali della scuola per fare una sintesi dei problemi e della situazione della scuola.

“Vorremmo che ricostruzione e diritto allo studio diventassero temi prioritari” il commento di Stefania Pezzopane. “Abbiamo lavorato nelle commissioni ma in tutte le occasioni abbiamo avuto la netta sensazione che la scuola non sia una priorità di questa amministrazione e ad oggi, ad esempio, non sappiamo nemmeno quante persone lavorano sulla ricostruzione delle scuole ma sappiamo che non c’è un ufficio preposto”.  
“Nel programma di mandato – così Lorenzo Rotellini – scompare la questione della ricostruzione delle scuole che invece era centrale in quello 2017. Ad oggi manca totalmente una visione di come debbano essere ricostruite le scuole e di come si inseriscano nel contesto cittadino come ad esempio su Collemaggio dove si prevede di fare una scuola ma senza prevedere una viabilità e i servizi connessi”. 
In consiglio le opposizioni presenteranno anche una integrazione dell’ordine del giorno dell’assise, per poter discutere anche dell’altro filone di dossier scuole, quello del dimensionamento scolastico: “Dimensionamento, autonomia differenziata e i problemi della sanità – ha spiegato Stefano Albano – rischiano di essere una tempesta per le aree interne”. 


Print Friendly and PDF

TAGS