Ricostruzione, firmato accordo per l’alta sorveglianza delle procedure

di Michela Santoro | 28 Luglio 2023 @ 05:00 | ATTUALITA'
ricostruzione
Print Friendly and PDF

ROMA – Un accordo che disciplina l’alta sorveglianza Anac sulle procedure legate alla ricostruzione pubblica post sisma del 2016 nell’Italia centrale. 

Presentato ieri a Roma in una conferenza stampa a Palazzo Wedekind, è stato firmato dal Commissario straordinario del Governo alla Riparazione e Ricostruzione Sisma 2016 Guido Castelli, dal Presidente dell’Autorità nazionale Anticorruzione, Giuseppe Busia, dal Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, dal Presidente della Regione Lazio, Francesco Rocca, dal Presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli, dal Presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, e dall’Amministratore Delegato di Invitalia, Bernardo Mattarella.

Cosa prevede 

Il documento,  aggiorna il  precedente accordo di alta sorveglianza del 2 febbraio 2021 per adeguarlo alle novità del codice
appalti e alle nuove esigenze di collaborazione, così da concentrare il supporto dell’Anac sulla  verifica degli interventi di maggiore rilevanza

Prevede controlli di legalità focalizzati sugli interventi di ricostruzione pubblica post terremoto più rilevanti e una serie di atti tipo per agevolare il lavoro delle Stazioni appaltanti: la vigilanza preventiva dell’Autorità nazionale Anticorruzione, che fino a oggi scattava per gli appalti di forniture e servizi, compresi quelli di architettura e ingegneria, di importo pari o superiore a 100mila euro, d’ora in poi si concentrerà sulle procedure sopra ai 215mila euro. Mentre per gli appalti di lavori, la soglia che conduce al controllo preventivo sale da 350mila a 1.000.000 di euro.

La Struttura commissariale Sisma 2016, con la pubblicazione del nuovo codice degli appalti, ha inoltre aggiornato ed elaborato ulteriori atti-tipo, pre-validati dall’Anac, che le Stazioni appaltanti possono utilizzare per tutta gli affidamenti che riguardano i servizi di progettazione.

Il Commissario alla Ricostruzione inoltre potrà chiedere il controllo preventivodell’Autorità anche sugli interventi previsti nel Pnrr e nel Piano nazionale complementare.

I commenti

“L’accordo – ha dichiarato il presidente dell’Autorità nazionale Anticorruzione, Busia – rafforza e rinnova la collaborazione tra Anac e Struttura commissariale che da dicembre 2016 a oggi ha portato a circa mille procedure verificate per quasi 1,4 miliardi di euro.

Nonostante l’aumento delle soglie per il controllo preventivo, il supporto di Anac sarà significativo: sono attese ulteriori mille procedure di affidamento da verificare. Questo vuol dire che, in termini quantitativi, garantiamo nei prossimi anni lo stesso supporto dato fino ad oggi.

Otre 1000 le procedure verificate, oltre 3000 i pareri che stanno crescendo prepotentemente; solo nell’ultimo semestre, dall’avvento del commissario Castelli, sono 149 procedure verificate e 373 pareri. Vale a dire più di due al giorno.

Dare pareri preventivi vuol dire raccogliere frutti in termini di rapidità, rispetto delle regole ed eliminazione del contenzioso.

Questo accordo è una bella storia di collaborazione riuscita tra le istituzioni che funziona a tutti i livelli istituzionali che lavorano per una finalità altissima”.

 

“Legalità ed efficacia: la ricostruzione pubblica  – ha aggiunto il commissario Castelli – deve avvenire secondo il principio di fiducia e di risultato del nuovo Codice degli appalti. La legalità è una priorità assoluta per garantire che la ricostruzione del Centro Italia avvenga nella piena tutela dell’imprenditoria sana, dei lavoratori e dei cittadini che hanno il diritto che gli edifici pubblici che stiamo finanziando siano sicuri e realizzati a regola d’arte.

Ci stiamo accingendo a varare un programma di opere pubbliche di valore superiore al miliardo e che richiederà l’avvio di più di mille affidamenti. Per assicurare la giusta tempestività e la necessaria trasparenza a questo complesso di procedure, abbiamo condiviso con l’ANAC una serie di aggiornamenti al protocollo di vigilanza finalizzati a responsabilizzare le stazioni appaltanti in una logica di semplificazione. Anche per questo motivo, abbiamo voluto istituire, d’intesa con le Regioni, un servizio di assistenza ai comuni mettendo loro a disposizione una serie di atti tipo, pre-validati dall’Anac, che consentiranno controlli a campione da parte dell’autorità di vigilanza. La struttura commissariale, grazie alla sinergia messa in campo, si candida anche come luogo di sperimentazione delle più recenti innovazioni introdotte dal nuovo codice degli appalti, nella consapevolezza che dopo quasi 7 anni da quel tragico 2016, risulta imprescindibile un impegno concreto e proattivo, utile a riconoscere i diritti di una comunità che da anni attende che si completi il processo di ricostruzione.”

 

“Ringrazio il dott. Busia e il commissario Castelli – ha dichiarato il presidente della Regione Abruzzo, Marsilio –  per quest’altro importante passaggio che porta avanti il processo di ricostruzione nel rispetto e nella garanzia della massima trasparenza e legalità con misure congrue e adeguate all’esigenza di fare veloce. Era importante e necessario trovare la giusta misura dopo anni di esperienza fatta”.


Print Friendly and PDF

TAGS