Reperibilità estive, confronto in V Commissione. Dipendenti chiedono modifiche

di Alessio Ludovici | 25 Giugno 2021 @ 06:00 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Approda in Quinta Commissione consiliare, la Garanzia e Controllo presieduta da Giustino Masciocco, la questione delle reperibilità estive dei dipendenti comunali. A richiedere un confronto in commissione è stata la Confsal di Fabio Frullo e hanno partecipato anche le altre rappresentanze delle Rsu del Comune dell’Aquila. Al centro della discussione la corretta applicazione della deliberazione di giunta comunale n. 401/2015, relativa alle procedure di reperibilità del personale, e la verifica della legittimità di una recente disposizione in merito. “La commissione non ha il compito di dirimere la discussione tra sindacati e amministrazione – ha spiegato Masciocco – noi come Commissione abbiamo accolto la richiesta della Confsal che ci poneva dei dubbi sulla legittimità dell’applicazione della delibera 401”, quest’ultima disciplina come deve essere reperito il personale. “A nostro modo di vedere ci sono dei problemi su l’atto amministrativo e serve fare chiarezza, per molti quell’atto è un semplice atto amministrativo, ma noi vediamo la vita delle persone, la difficoltà di tanti dipendenti comunali, impossibilitati magari ad accudire una persona cara”. Un atto che va contro tutte le fonti del diritto spiega Frullo e anche contro alcuni diritti costituzionali, come quello alle ferie. In particolare, spiegano i sindacati, la violazione principale riguarda il fatto che un atto amministrativo, gestionale, è in palese contrasto con la delibera del 2015, e lo ha ribadito anche il segretario generale del Comune dell’Aquila. A far discutere in dettaglio è che non ci sia stato il necessario coinvolgimento dei dipendenti nella organizzazione delle reperibilità. Questa andrebbe fatta preferibilmente e prioritariamente su base volontaria prima di fare un ordine del servizio. 

“Abbiamo chiesto di rivedere la situazione – ha spiegato Roberto Russo, Rsu della Cgil – in particolare per la manifestazione di interesse del personale per partecipare alla reperibilità. Il Comune deve organizzarsi per garantire le ferie e le turnazioni. Chiediamo quindi al dirigente Bellucci di rivedere questa disposizione”. 

Assente l’assessore Bergamotto, a difendere l’atto sono stati Bellucci e il responsabile del servizio, Carlo Bolino, che si sono detti comunque pronti a venire incontro ai sindacati. “Verificheremo la possibilità di una modifica”, ha spiegato Bellucci. La proposta di modifica è già sul tavolo del segretario generale che prevede un incontro ai primi di luglio per sanare la situazione. 


Print Friendly and PDF

TAGS