Regione, Liris: “Nessun aumento a capi dipartimento e direttore generale”

di Redazione | 14 Aprile 2020, @03:04 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Nessun aumento per i vertici dirigenziali della Regione. Abbiamo rivoluzionato la proposta che ci è stata formulata dalla Conferenza dei direttori perché, sia pure legittima dal punto di vista formale e sostanziale, in questo momento di drammatica emergenza mondiale, abbiamo sentito il dovere di dare dimostrazione di buonsenso e sensibilità verso le famiglie che sono in difficoltà, e verso coloro (in primis i sanitari) che stanno operando in prima linea contro l’emergenza”.

L’assessore regionale al Bilancio e al Patrimonio, Guido Quintino Liris smentisce, così, la notizia riportata da alcuni organi di informazione circa l’aumento della indennità di posizione dei capi dipartimento e del direttore generale della Regione Abruzzo nell’ambito della riforma della macchina amministrativa varata dalla maggioranza di centrodestra.

“La delibera che abbiamo esaminato nel corso della riunione di Giunta del 10 aprile scorso – prosegue Liris – è stata stralciata nella parte relativa all’aumento della indennità di posizione dei capi dipartimento e del direttore generale. Abbiamo, invece, approvato la graduazione delle indennità di posizione dei dirigenti – spiega – in seguito alla pesatura delle competenze e del carico di lavoro determinato dai servizi”.

“Un atto questo – precisa l’assessore – propedeutico al via libera dei bandi di concorso per l’assunzione di nuovi dirigenti che dia un rinnovato slancio alla macchina amministrativa, che da anni patisce la carenza di personale alla luce di tagli, forti piani di pensionamenti senza turn over e la storica assenza di procedure concorsuali. Dunque, la riforma che abbiamo fortemente voluto – argomenta – sta decollando, sia pure nelle difficoltà dovute a questo momento estremamente complicato, e in tal senso abbiamo posto le basi per velocizzare il percorso, perché i primi bandi saranno relativi al settore regionale della Sanità, il più esposto in Regione, che però ha un contingente di dirigenti ridotto al mimino storico, a dir poco insufficiente, per condurre questa vera e propria guerra contro il coronavirus”.

Liris evidenzia che “con il presidente Marsilio e gli alleati si è in prima linea per completare l’attuazione della riforma del personale, una tematica importante e complessa che prima d’ora non era stata affrontata con il piglio giusto e con i risultati sperati dalle precedenti amministrazioni”.

“Quello operato non è un atto di sfiducia nei confronti dei capi dipartimento e del direttore generale – rimarca in conclusione l’assessore – ma al contrario ringrazio per quanto sta facendo tutto il personale della Regione Abruzzo, ringrazio i Capi Dipartimento che, in queste settimane terribili, stanno mettendo in campo ancora maggiore impegno e professionalità senza soluzione di continuità”.


Print Friendly and PDF

TAGS