di Maria CattiniElisa Marulli, moglie del sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi (FdI), è stata assunta nella segreteria del neo Presidente della Regione Marco Marsilio (FdI). Dopo aver curato la campagna elettorale del Presidente Marsilio, insieme alla dipendente di Abruzzo Engineering, Alessia Di Gioacchino, ora collaboratrice del Sindaco Biondi, e la vice Presidente del TSA, la giornalista del Consiglio regionale in pensione Rita Centofanti, il compito in Regione della moglie del Sindaco dell’Aquila sarebbe quello di esperta social manager. La notizia, che girava da tempo nei palazzi aquilani, ha creato più di un imbarazzo, roba da far rimpiangere la DC, che vietava rigorosamente le assunzioni di rispettive mogli, parenti e amanti nello stesso collegio elettorale degli eletti.

Lo stesso Matteo Salvini, nella conferenza stampa di conclusione della campagna elettorale, aveva assicurato gli abruzzesi: “La Regione Abruzzo avrà appalti, avrà consulenze, ma le avrà solo chi merita – dice a un certo punto il vice premier – non chi ha l’amico dell’amico, il cugino il cognato o il fratello o il cognome importante”. Effettivamente si era dimenticato di citare le mogli. La battuta di Salvini, infatti, sembra più rivolta all’alleato Marsilio, finito nelle polemiche, a Roma, per il numero di parenti e affini ai quali erano stati affidati incarichi politici e amministrativi.
Inoltre la Marulli, solo pochi mesi fa, occupava le cronache rosa della stampa locale con la notizia di essere in attesa di un secondogenito. Più che un rapporto di lavoro, fanno notare con malizia in Regione, il rapporto con Marsilio potrebbe tradursi presto di un congedo per maternità assicurato. Insomma, per i coniugi Biondi, il passo da caso imbarazzante a situazione “embarazada” sembra veramente breve.

Commenti

comments