Regionali del 10 marzo: informazioni utili al voto

di Redazione | 26 Febbraio 2024 @ 13:48 | VERSO LE ELEZIONI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Domenica 10 marzo 2024 sono in programma le elezioni regionali per rinnovare il Consiglio regionale ed eleggere il Presidente della Giunta regionale. Si vota dalle ore 7 alle ore 23 (lo spoglio inizierà dopo la chiusura dei seggi). 

Sono elettori i cittadini maggiorenni iscritti nelle liste elettorali dei Comuni della regione, compresi i residenti all’estero iscritti all’A.I.R.E. (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero). Il territorio abruzzese è diviso in 4 circoscrizioni, che coincidono con le province (Teramo, L’Aquila, Chieti e Pescara) ed è possibile esprimere la propria preferenza solo per i candidati consiglieri presenti nella lista della circoscrizione di residenza.

Sono possibili le seguenti modalità di voto: votare un candidato Presidente (il voto non si estende alle liste ad esso collegate); votare una lista (il voto si estende anche al candidato Presidente ad essa collegato); votare un candidato Presidente e una delle liste ad esso collegate. L’elettore può esprimere una o due preferenze per i candidati alla carica di consigliere della lista prescelta (scrivendo il cognome oppure il nome e il cognome in caso di omonimia). Se esprime due preferenze, queste devono essere di genere diverso (per una donna e per un uomo, o viceversa, comunque della medesima lista); in caso contrario la seconda preferenza è nulla e resta valida solo la prima. 

Non è consentito il voto disgiunto: sarà considerata nulla la scheda con il voto espresso per un candidato Presidente e per una lista diversa da quelle a lui collegate. Diventa Presidente della Regione il candidato alla carica di Presidente che ottiene il maggior numero di voti validi. 

Per votare sono necessari la tessera elettorale e un documento d’identità in corso di validità. Chi non ha la tessera o l’ha smarrita, può richiederla, anche nel giorno della votazione, all’ufficio elettorale del comune di iscrizione nelle liste elettorali.

Il voto fuori sede non è previsto in quanto è obbligatorio votare nel Comune di residenza. Sono, però, concesse alcune agevolazioni di viaggioTrenitalia effettua uno sconto sui biglietti dal 1° al 20 marzo, per gli elettori abruzzesi domiciliati fuori dal Comune di residenza o residenti all’estero ed iscritti all’A.I.R.E. (Anagrafe Italiani residenti all’estero). Per richiedere lo sconto è possibile rivolgersi alle biglietterie Trenitalia, alle agenzie di viaggio autorizzate o ai punti vendita delle reti ferroviarie estere abilitati a vendere la tariffa Italian Elector. Per usufruire delle riduzioni vanno esibiti, insieme al biglietto, il documento di identità e la tessera elettorale. Se sprovvisti di quest’ultima per il viaggio di andata, si dovrà sottoscrivere una dichiarazione sostitutiva. Per il viaggio di ritorno, invece, andranno esibiti biglietto e tessera elettorale vidimata. Si applica una riduzione del 60% sulle tariffe regionali e del 70% su quelle nazionali: Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca, Intercity ed Intercity Notte. Lo sconto è applicabile solo per la seconda classe e per il servizio Standard.  Aiscat (Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori) applica l’esenzione del pedaggio autostradale agli elettori abruzzesi residenti all’estero ed iscritti all’A.I.R.E. Chi intende usufruire dell’agevolazione, dovrà esibire presso il casello autostradale la tessera elettorale o la cartolina-avviso inviata dal Comune di iscrizione elettorale o dichiarazione dell’Autorità consolare attestante che il connazionale interessato si reca in Italia per esercitare il diritto di voto e un documento di riconoscimento; al ritorno, dovrà esibire, oltre al passaporto o documento equipollente, anche la tessera elettorale vidimata. Gli sconti sono applicati anche dalle seguenti compagnie marittime: Compagnia Italiana di Navigazione Spa: linee Genova-Porto Torres e Civitavecchia Olbia; GNV S.p.a. linea Civitavecchia-Olbia; Grimaldi Euromed Spa: linee Napoli Cagliari Palermo, Civitavecchia Arbatax Cagliari e Civitavecchia Olbia; SNS Scpa: collegamenti fra la Sicilia e le isole minori siciliane; linea Napoli-Isole Eolie-Milazzo; NLG S.r.l. linea Termoli-Isole Tremiti.

GLI ORGANI REGIONALI

Il Consiglio regionale è un organo legislativo che, insieme all’Unione Europea e allo Stato, si occupa di elaborare, discutere e approvare le leggi regionali. Le Regioni possono legiferare in via residuale sulle materie non riservate dalla Costituzione alla competenza statale. Per alcuni settori la legislazione è “concorrente”, cioè spetta alle Regioni la potestà legislativa, salvo che per la determinazione dei principi fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato. Il Consiglio regionale dell’Abruzzo è composto da 29 consiglieri, a cui si aggiungono il Presidente della Giunta regionale eletto e il candidato alla carica che ha ottenuto il numero di voti subito inferiore. Il Consiglio regionale dell’Abruzzo si riunisce all’Aquila, nella sede di Palazzo dell’Emiciclo, o a Pescara.

La Giunta regionale è l’organo esecutivo regionale, composto da un massimo di sei Assessori i cui componenti sono nominati direttamente dal Presidente della Giunta. Il Presidente della Regione è membro del Consiglio regionale e dirige i lavori della Giunta; a lui spetta il compito di: promulgare le leggi; emanare regolamenti; convocare e presiedere la Giunta regionale, di cui stabilisce l’ordine del giorno; indire le elezioni regionali. È affiancato da un Vicepresidente della Giunta nominato tra gli Assessori e da un Sottosegretario alla presidenza nominato tra i consiglieri.


Print Friendly and PDF

TAGS