Regali di Natale in Abruzzo, cesti enogastronomici tra i più gettonati

di Redazione | 20 Dicembre 2020, @09:12 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Scatta la corsa ai regali negli ultimi giorni prima di Natale per chi non ha approfittato del Black Friday e delle altre offerte a caccia del dono da mettere sotto l’albero nelle prime feste al tempo del Covid.

E’ quanto emerge dall’analisi Coldiretti/Ixe’ divulgata in occasione dell’ultimo week end prenatalizio con iniziative nei mercati degli agricoltori di Campagna Amica in tutta Italia, tra cui quelli abruzzesi di Chieti, Pescara e Teramo in cui sono stati proposti i tradizionali cesti enogastronomici diventati un vero e proprio oggetto del desiderio per gli italiani.

“Con la chiusura di ristoranti e trattorie per tutto il periodo delle festività la tendenza 2020 è – sottolinea la Coldiretti – quella di indirizzarsi verso regali utili con una decisa preferenza verso il cibo. Non a caso oltre un italiano su tre (34%) ha scelto quest’anno di regalare per le festività confezioni di prodotti alimentari tipici per imbandire le tavole di Natale e Capodanno e allietare le serate in casa dove sono gli italiani sono costretti a rimanere durante le feste per misure di prevenzione contro il Covid disposte per le zone rosse.

Gli italiani blindati in casa nei giorni clou delle festività – continua la Coldiretti – trovano consolazione nella tavola e il maggior tempo disponibile si traduce, soprattutto, nella tendenza a cucinare di più per sé e per i propri familiari. Una svolta che spiega quest’anno il boom dei cesti enogastronomici personalizzati secondo le diverse preferenze, a chilometro zero, tradizionale, vegano, salutista o green con le specialità salvate dall’estinzione.

Tra i prodotti più presenti nei cesti ci sono dolci tradizionali, spumante, lenticchie e in generale tutti i prodotti tipici locali, cosiddetti a chilometro zero, dai salumi ai formaggi, dall’extravergine al vino, dal miele alle conserve, meglio se preparati direttamente nelle aziende agricole. I prezzi – precisa la Coldiretti – variano notevolmente, ma normalmente oscillano dal cesto minimal low cost a 20 euro sino a 200 euro per quello con specialità più ricercate. Una scelta – sottolinea la Coldiretti – sostenuta dalla preferenza accordata dall’82% degli italiani all’acquisto di prodotti locali e Made in Italy anche per aiutare l’economia nazionale e garantire maggiori opportunità di lavoro a sostegno della ripresa in un momento di grande difficoltà, sostenuta dalla campagna #mangiaitaliano della Coldiretti.

Ma nei mercati degli agricoltori abruzzesi di Campagna Amica e negli agriturismi sarà possibile quest’anno anche regalare solidarietà, contribuendo alla “Spesa sospesa del contadino”, l’iniziativa di solidarietà promossa in tutta Italia da Coldiretti per aiutare a combattere le nuove povertà e offrire ai più bisognosi un Natale sereno.

Tutti i cittadini che fanno la spesa nei mercati di Campagna Amica di Chieti, Pescara e Teramo possono decidere di donare cibo e bevande alle famiglie più bisognose sul modello dell’usanza campana del “caffè sospeso”, quando al bar si lascia pagato un caffè per il cliente che verrà dopo. In questo caso si tratta però di frutta e verdura, ma anche pasta fatta con grano 100% italiano, salumi e legumi, olio extravergine d’oliva a Denominazione di origine protetta (Dop), pecorino e altri generi alimentare Made in Italy, di qualità e a km zero che gli agricoltori di Campagna Amica andranno a consegnare gratuitamente alle famiglie bisognose sul territorio italiano.

L’obiettivo per Natale è raccogliere prodotti tipici da donare soprattutto quei nuclei di nuovi poveri “invisibili” – dice Coldiretti Abruzzo – che, proprio a causa del repentino peggioramento della propria condizione economica, non sono stati ancora integrati nei circuiti “ufficiali” dell’assistenza”.


Print Friendly and PDF

TAGS