Rassegna di teatro per ragazzi, “Ulula – lì Ulula – là”, domani lo spettacolo “Il gatto con gli stivali”

di Redazione | 30 Luglio 2021 @ 16:03 | EVENTI
Print Friendly and PDF

OPI – Prosegue la prima edizione di “Ulula – lì Ulula – là”, rassegna di teatro per ragazzi e famiglie” che si svolgerà a OPI . La rassegna è realizzata dal Teatro Stabile d’Abruzzo con il sostegno della Pro loco di Opi e dal Comune di Opi e la collaborazione della Cooperativa Fantacadabra, che ne cura la direzione artistica e nasce per fare in modo da riservare, nel cartellone degli eventi estivi, uno spazio importante ai più piccoli, uno spazio che fosse divertente, di qualità e
formativo, perché siamo convinti, che, soprattutto in questo periodo storico sia necessario dar vita a occasioni di incontro che siano altamente formative per i ragazzi. Tre gli appuntamenti dedicati ai bambini ed alle famiglie che si svolgeranno nella piazza del monumento: Sabato 31 luglio lo spettacolo “IL GATTO CON GLI STIVALI”

“Il Gatto con Gli Stivali” Liberamente ispirato alla favola omonima di Perrault Con: Santo Cicco, Laura Tiberi e Roberto Mascioletti. Scene e costumi: Antonella Di Camillo e Daniela Verna Musiche e canzoni di Paolo Capodacqua. Ideazione e regia Mario Fracassi. Un giovane e sfortunato ragazzo si traveste da Gatto (assumendo su di sé il ruolo dell’eroe e, dunque, del bambino), usando l’astuzia e l’inganno, si procura ricchezza e felicità facendosi beffe del potere costituito; tale potere è rappresentato da un Orco da operetta…

Il ragazzo, terzo figlio di un povero mugnaio, riceve in eredità una maschera e un vestito da gatto. Naturalmente è disperato, ma, quando capisce il valore dell’eredità che il padre gli ha lasciato… Lo spettacolo si presenta come uno scherzo leggero e irridente, dove tutte le situazioni che possono prestarsi alla risata, allo sberleffo, al nonsense e all’effetto comico sono amplificate ed accentuate dagli interventi dei personaggi come in una sorta di viaggio fantastico, con
il trionfo della bizzarria e del gioco. Abbiamo voluto leggere in questa fiaba un riferimento esplicito alla Maschera e alla Commedia dell’Arte, trasformando il costume del “Gatto con gli stivali” (che indossa il giovane ragazzo) in una sorta di costume che rimanda all’idea di un Pulcinella o un Arlecchino.


Print Friendly and PDF

TAGS