Raccogli, Conosci, Degusta: la ricetta dei Granetti allo zafferano di Davide Pezzuto

di Redazione | 31 Ottobre 2021 @ 12:39 | CULTURA
Print Friendly and PDF

SAN PIO DELLE CAMERE (AQ) – Direttamente da Raccogli Conosci Degusta, la manifestazione sulla zafferano in corso a San Pio delle Camere, la ricetta dei Granetti, fonduta al pecorino di Farindola e zafferano a cura dello chef Davide Pezzuto

“Tra i piatti che più mi hanno colpito, dell’antico ricettario teramano, ci sono sicuramente i Granetti. Un classico della cucina povera che si preparava con acqua, farina ed un condimento a base di fave guanciale e cipolle.

I granetti prendono il nome dei pezzetti di pasta, simili a chicchi di grano, che si formano spruzzando d’acqua la farina sparsa sulla spianatoia. Anticamente, per compiere questa operazione, si adoperava una frasca che, intinta nell’acqua, consentiva alle massaie di bagnare la farina nel modo giusto, da quil il nome di frascarelli utilizzato nelle altre province abruzzesi. Una curiosità: i granetti venivano somministrati più volte al giorno dalle puerpere perché si riteneva facessero aumentare la montata lattea”.

Granetti, fonduta al pecorino di Farindola e zafferano

Ingredienti per 4 persone

Per i granetti

100 gr di farina 00

100 gr di semola

Per il brodo vegetale

2 litri di acqua

1 costa di sedano

1 carota

1 cipolla

1 rametto di rosmarino

1 foglia di alloro 

1 rametto di timo

1 spicchio d’aglio

0,50 gr di zafferano

Per la fonduta

100gr di pecorino di Farindola

50gr di crema di latte

Per la mantecatura

0n50 gr di burro

Olio q.b.

100 gr di parmigiano

Preparazione 

I granetti

Mescolare la farina e la semola con 80 gr di acqua fino ad ottenere un panetto. Con l’aiuto delle mani e di un coltello, sbriciolare e tagliuzzare il panetto in piccoli pezzetti simili a dei chicchi di grano.

Il brodo vegetale

Cuocere gli ingredienti per un 1 ora. Togliere dal fuoco, aggiungere il pecorino di Farindola e lasciarlo sciogliere

Cottura dei granetti

Versare i granetti nell’acqua bollente salata e portarli a metà cottura. Scolarsi, versarli in una pentola con il brodo vegetale e lo zafferano. Una volta terminata la cottura, mantecare con sale, pepe, olio, burro e parmigiano.

Impiattamento.

Per l’impiattamento utilizzare un piatto del tipo “cappello del prete”. Alla base adagiare la fonduta di pecorino, su questa versare i granetti mantecati allo zafferano. Terminare la composizione con una spolverata di buccia di mandarino grattugiata. 


Print Friendly and PDF

TAGS