Questa storia della mobilità dolce ci sta sfuggendo di mano

di Alessio Ludovici | 13 Luglio 2021, @01:07 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Quando un uomo con il cavallo incontra un uomo con il monopattino, l’uomo con il monopattino è un uomo morto. Scene di ordinaria vita quotidiana in Texas, ah è piazza Duomo ok. Dopo le ciotole per i cani e i portabici una nuova sfida per i locali e l’amministrazione comunale, far attaccare il cavallo e magari sostituire le fioriere con degli abbeveratoi, andrà anche aggiunto qualche simboletto alle corsie ciclabili. 

Tutti al bar. Sarà andata come in un famoso pezzo di Easy Rider?

“Hey, mister, può dirmi, dove un uomo può trovare un letto?
Lui sorrise appena e strinse la mia mano, “No” è tutto quello che mi disse”

Oh forse sono i nuovi turisti chissà. Un po’ Maxxi, un po’ lo Chiamavano Trinità, L’Aquila oggi è anche questa. C’è chi viene per farsi vedere, chi per nascondersi. 

Ad ogni modo, la domanda sulla bocca di tutti è una sola: ma il cavallo ci può entrare in zona pedonale?


Print Friendly and PDF

TAGS