Proroga al 19 aprile, più tempo per le comunicazioni dei Condomini

di Italo Colasimone | 15 Aprile 2022 @ 06:25 | AMMINISTRAZIONE E FISCO
Agenzia delle Entrate
Print Friendly and PDF

Con il Provvedimento direttoriale 7 aprile 2022, prot. n. 2022/110854 l’Agenzia delle Entrate ha disposto la proroga del termine del 7 al 19 aprile entro il quale gli amministratori di condominio sono tenuti a trasmettere i dati del 2021 relativi alle spese sostenute dal condominio per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati sulle parti comuni e per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici per l’arredo di parti comuni dell’edificio ristrutturato. L’amministratore di condominio è tenuto a riepilogare tutte le spese sostenute dal condominio nel 2021 per il recupero del patrimonio edilizio, di riqualificazione energetica, superbonus 110%, bonus facciate, installazione di colonnine di ricarica per veicoli elettrici, ecc. (sostanzialmente tutte le spese che danno titolo a detrazione d’imposta) specificando le modalità di riparto delle spese tra i vari condomini e le eventuali modalità di già avvenuto utilizzo del credito: sconto in fattura o cessione del credito a terzi (es. banche).

La proroga è stata possibile perché l’art. 10-quater, comma 2 del decreto “Sostegni-ter” (D.L. 27 gennaio 2022, n. 4, convertito con modifiche dalla Legge 28 marzo 2022, n. 25 ha spostato dal 30 aprile al 23 maggio 2022 la data a partire dalla quale è disponibile la dichiarazione precompilata 2022 relativa al 2021.

Per la comunicazione bisogna avvalersi del modello aggiornato con il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate n. 46900 del 14 febbraio 2022. Tale aggiornamento si è reso necessario per allineare il modello alle novità normative che sono state introdotte nel corso del 2021.

Detta proroga è concessa esclusivamente per le spese sostenute nel 2021. L’anno prossimo, quindi, le trasmissioni delle comunicazioni dovranno essere fatte entro il termine del 16 marzo come quanto previsto dall’art. 16-bis, comma 4, del D.L. 26 ottobre 2019, n. 124, convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 2019, n. 157.


Print Friendly and PDF

TAGS