Laghetto Pagliare, tra degrado e acqua putrida, l’oca Guendalina “resiste”

di Matilde Albani | 06 Giugno 2021 @ 06:30 | AMBIENTE
Progetto Case Pagliare
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Il laghetto del Progetto Case a Pagliare di Sassa, a causa del mancato funzionamento delle pompe idrauliche (già sostituite nel 2017) , continua a versare in uno stato di degrado. “Fino alla scorsa settimana la pompa era spenta – racconta a Laquilablog Sonia, che da qualche anno vive nella piastra di fronte al laghetto – l’acqua è torbida, è pieno di insetti,  ci sono pesci morti, si vede chiaramente che quelli rimasti stanno soffrendo, e poi c’è Guendalina, cosi l’hanno chiamata i bambini , come una delle due oche degli Aristogatti. Erano arrivate in due, poi una è scomparsa, hanno detto che sono state le volpi, Guendalina invece resiste, ma se l’acqua continua a rimanere in queste condizioni, farà una brutta fine”.

L’area di Pagliare di Sassa , peraltro, è un sito paleontologico. Scoperto alla fine degli anni ’90 in occasione di movimentazioni di terra per l’estrazione di sabbie, è stato oggetto di campagne di scavo tra il 1998 e il 2000 e infine nel 2010. Sono stati recuperati numerosi resti fossili all’interno di un conoide fluviale.


Print Friendly and PDF

TAGS