Processo penale, si allarga il ventaglio di atti da depositare telematicamente

di Redazione | 02 Febbraio 2021 @ 06:14 | LA LEGGE E LA DIFESA
Print Friendly and PDF

Nella Gazzetta ufficiale del 26 gennaio è stato pubblicato il decreto che allarga la platea di atti digitali utilizzabili nel mondo della giustizia. Si tratta decreto 13 gennaio 2021, recante norme per il “Deposito di atti, documenti e istanze nella vigenza dell’emergenza epidemiologica da Covid-19”.
Il decreto, molto atteso, allarga l’oppportunità di atti e istanzi per i quali è possibile procedere al deposito telematico.
Da adesso, infatti, anche querele, denuncia e procura speciale potranno essere depositate telematicamente. Stesso discorso per le istanze di opposizione alle richieste di archiviazione, la nomina del difensore, ma anche la revoca e la rinuncia al mandato difensivo.
Ad oggi l’invio telematico era riservato solo al tribunale in pratica, per atti e documenti di polizia giudiziaria, memorie e documenti successivi alla chiusura delle indagini preliminari. 

“L’ampliamento degli atti rappresenta un significativo passo avanti per la realizzazione del processo penale telematico tramite deposito da portale – dichiara il Ministro Alfonso Bonafede – Si tratta di una nuova importante tappa della profonda opera di modernizzazione della Giustizia italiana.”


Print Friendly and PDF

TAGS