Processione del Venerdì Santo, il corteo torna ad attraversare Piazza Palazzo

Partirà alle ore 20 da San Bernardino il corteo della Processione del Venerdì Santo, storica tradizionale aquilana. Quest'anno si torna a transitare dinanzi Palazzo Margherita: tutti i dettagli

di Redazione | 26 Marzo 2024 @ 18:16 | CREDERE OGGI
processione venerdì santo l'aquila
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – I simulacri della Processione del Venerdì Santo, realizzati dall’artista Remo Brindisi e di proprietà dei frati di San Bernardino, sono esposti in basilica. Lunedì hanno lasciato, per l’ultima volta, il deposito che dal post sisma li ospitava e ubicato nei locali dell’ex distretto militare, adiacente alla chiesa. Un immobile, un tempo parte del grande complesso monastico, e ora oggetto di restauri per il ripristino danni del terremoto. Terminato il corteo del Cristo morto, infatti, le opere non ritorneranno più nel luogo in cui sono state custodite negli ultimi anni, ma saranno trasportate in una struttura periferica, presa in affitto dai Cavalieri del Venerdì Santo, l’associazione laica che dal 2000 collabora con i frati per l’organizzazione della Processione. Sarà, per la prima volta, quest’anno il Corpo della Polizia penitenziaria, a scortare il simulacro del Cristo morto per le vie del centro cittadino, un rito che si rinnova dal 1954, quando l’aspirante frate Nicola Roccioletti ripropose l’antico culto sopito, per motivo di ordine pubblico, da quasi due secoli.

L’edizione 2024, dunque, sarebbe stata quella del 70esimo anniversario, se non fossero intervenute le sospensioni per causa di forza maggiore: terremoto (2009) e pandemia (2020 e 2021). In attesa del “compleanno” tondo che dovrebbe, a questo punto, coincidere con l’anno in cui la città sarà Capitale italiana della Cultura, il percorso ora sarà ridotto per via dei lavori di ripavimentazione nel centro storico.

Ripristinato il passaggio davanti la sede del Comune a Palazzo Margherita, ma estremamente ridotto quello a piazza Duomo. Basilica di San Bernardino, via San Bernardino, corso Principe Umberto, via Marrelli, piazza Duomo in salita fino a corso Vittorio Emanuele e ritorno in basilica attraverso via San
Bernardino: è questo, nel dettaglio, l’itinerario che il corteo seguirà venerdì.
Tra i simulacri di Remo Brindisi mancherà la Gran Croce, il primo in assoluto ad esser stato realizzato, in quanto è attualmente oggetto di restauro conservativo, autorizzato dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio, a cura dell’Accademia delle Belle Arti dell’Aquila e sotto la direzione della professoressa Grazia De Cesare. Un intervento che si è rivelato più lungo del previsto, in ragione delle condizioni di usura che l’opera stessa presentava.


Print Friendly and PDF

TAGS