Primo maggio, Italia Viva L’Aquila: pensare a chi è rimasto senza reddito

di Redazione | 01 Maggio 2020 @ 12:26 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “In Italia, oltre alla divisione tra Nord e Sud, tra ricchi e poveri,  assistiamo a una nuova divisione più profonda, tra garantiti e non garantiti”. È la riflessione per la Festa dei lavoratori del comitato aquilano di Italia Viva, che cita l’ex presidente della Repubblica Sandro Pertini: “Bisogna sia assicurato il lavoro ad ogni cittadino. La disoccupazione è un male tremendo che porta alla disperazione”.

“Al tempo del coronavirus, si sta affermando una differenza abissale tra coloro che hanno lo stipendio assicurato e coloro che,  costretti ad abbassare le saracinesche da quasi  tre mesi, piangono sangue, non guadagnando un euro e non percependo aiuti concreti dallo Stato”, si legge nella nota di Italia Viva.

“Nella Giornata dedicata alla festa del Lavoro, il Comitato Italia Viva L’Aquila, invita i rappresentanti politici ad avere uno sguardo più ampio sul futuro economico, pensando subito  ad un  efficace e tempestivo sostegno alle famiglie e alle attività produttive, a quanti sono rimasti disoccupati e senza reddito, in modo da conservare intatte tutte le risorse del nostro capitale sociale”.

“Tornare al lavoro, in sicurezza, è il nostro invito. L’Italia deve poter  ricostruire il suo futuro, perché non ci può essere Repubblica senza lavoro, come afferma solennemente il primo articolo della nostra Costituzione. Buon primo maggio!”, conclude la nota.

 

Print Friendly and PDF

TAGS