Presso una fontanella aquilana: “fermertese tutte lavannà, che se nno sparemo”

di Alessio Ludovici | 23 Luglio 2021 @ 06:00 | RACCONTANDO
lavandare San Bernardino
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – E’ il 5 febbraio del 1904, un venerdì, L’Aquila si affaccia sul ‘900 con rinnovato spirito, probabilmente è la tarda mattinata, i raggi del sole illuminano le scalette di San Bernardino, un attimo di respiro nei rigidi inverni aquilani, un’occasione per i giovani alberi che costeggiano la scalinata per recuperare energie. Un’occasione anche per la Cannaicciu, per la moglie di Lallittu, e per la Stirnicchia, per la Principetta e per la Tuscese, per Tira a campà e per la Palluttiju e tutte le altre. Sono le lavandare, alcune delle lavandaie aquilane, impegnate a sciabordare i panni sulle scalinate di San Bernardino dopo averli lavati nella vicina fontanella su via Fortebraccio.
 
C’è storia in quella fontanella, come in tutte le altre, storia e storie che si intrecciano. Quella delle lavandaie, ma anche quella di Amalia Sperandio, pioniera della fotografia, una donna che proprio all’Aquila si ritrova ad immortalarle quelle lavandaie, non quel giorno ma in uno dei tanti. E’ la foto di copertina di “Memoria e diletto”, il volume dedicato alla Sperandio la cui vicenda è stata sagacemente recuperata grazie alla volontà e al contributo dei cittadini del gruppo Jemo ‘Nnanzi.
 
Memoria e diletto, un titolo adatto anche per la cronaca di quelle lavandaie, la cronaca di un fatto particolare, nu fattareju aquilano che le vide splendide protagoniste, proprio loro, le serve dei nobili, magari le stesse che animavano le vere malelingue su vizi e stravizi di nobili e potenti aquilani. Ma quel giorno succede un fatto nuovo, lo racconterà una settimana dopo un giornale socialista aquilano, L’Avvenire, in un dialetto che restituisce meglio di qualunque cosa il senso di certa aquilanitas, l’atmosfera di quei vicoli e piazze, il sempre difficile rapporto tra popolo e istituzioni.
 
“La rivoluzziò de lle lavannare a S.Bernardinu, venardì de lla settimana passata, pe ordene de j’assessore delle chiaiche sporche, tuttu ju corpu de le quardie di città, sottu ju commannu de D. Acustinu pitartela storta, jirno a mmette j’assetiu a lle scalette de S. Berardinu; Squaquicchiu, come sempre, pijò ju commannu e strillò: fermetese tutte lavannà, che se nno sparemo.”
 
C’è una nuova ordinanza del Comune che impedisce alle lavandare di stendere e sbattere i panni sulle scalinate e ci sono le guardie del Comune in zona per farla rispettare. Questioni di decoro.
 
E le donne si fermarono effettivamente, ma con ben altre intenzioni: “Le pore lavannare se firmirno, ma la cchiù sverda che è la Cannaiccciu, se votette e icette: che, ve ss’è sciotu ju mujichiru?. Quella panza de vermi de ju commannante de piazza responnette: o mijichiru o no, sete tutte ncontravvenziò perché ji panni ecco no nse cci ponno spanne. La Cannaicciu, che s’era fattu nu cuccittu dicchiù ji responnette: che sci ccisu a tti e quante scorze de patane à scopate patritu, quiju è ju muru de lle moneche, ji so lla serva, e faccio ju commutu me. D.Agustinu po, fececcese vetè tuttu ncazzusu se ette prima n’allisciatella a quella carota che tte nfaccia, e ppò, co quanttu fiatu tenea ncorpu icette: Sequestrete gni ccosa. No ll’aessero mai fattu, va la moje de Iallittu, afferra nu lenzolu nfussu e comenza a scrocchià, scrocchia e rrescrochia coje a lla scamorza sbutirata de D. Agustinu, ji roppe j’occhiali e la scamorza sburrò a ssangue. La Stirnicchia che vedde j’assessore de lle chiaiche sporche, oscia Coccia secca, che arrete a na colonna stea a ffà j’accennu de ju tre, j’affibbiette na sassata cuscì allicchettu che ji fece zumpà ju cappeju pellaria e sse no mmoja la matonna ju pijea ncoccia ju carosea. La Principetta co nu turturiju fece nou nou ju rre. La Tuscese afferrette ju poru Squaquicchiu e ccome na canuccia guasta se ji portette nu pezzu de ju itucciu piccireju e nu pizzittu de recchia. Tira a campà afferrette pesele pesele Cuccueju e ju jette a ttortorà entru la fontanella. La Palluttiju s’affilette appressu a Cetriolu che se nno nse raccommannea a zampu miu non è vergogna ju riformea. Fortuna olette che currirno tutti ji sordati de ju reggimentu che se nnò de ju corpu de lle quardie de città non ci remaneeno mancu le visiere.
 
S’è vinutu a sapè pure che a Squaquicchiu ji tencheno leà la mani ritta perché la Tuscera s’avea magnati ji dialuitti; che a Cuccueiu pe llo friddu l’ha pijata la purmunita; che a Donn’Acustinu la pitartela se j’è fatta come na carciofela romana e che a Coccia secca j’assessore se j’è smossu ju corpo e d’allora va liquitu liquitu”.
 
E’ una vera e propria rissa, anzi na rivoluzzio’, quella che ci racconta l’Avvenire. 
“Le lavannare non contente de aeji sbozzati, jeri jirno ncommissò aj’assessore Coccia secca e ji icirno: oè viti come te mitti perché nu tenemo à a magnà a ji fiji nostri, e semo tutte poerelle. J’assessore Coccia secca rabbuticchiatu a parecchi fasciaturi percè va liquitu, tuttu mpauritu ji responnette: Belle me, se no mpotete à a magnà a ji fiji, porteteji ecco, ce llo engo ji, ma ji panni j’addenete spanne fore porta quessa è la legge.
La Palluttiju tutta ngazzosa ji responnette: che ve pozzeno accie a vvu e cchi ve cià mannati a ju municipiu, se ci steeno ji socialisti quesso non era, ma pi cCristu jochetese quella strai che se nno ve facemo come lo tabaccu.”
 
Memoria e diletto, perché una città è fatta anche di questo, del suo popolo e delle sue vicende, magari raccolte attorno a una piccola fontanella, magari attorno a quella di Fortebraccio che tra poco, a quanto si apprende, verrà ripristinata. 
 

Print Friendly and PDF

TAGS