Potenziamento linea ferroviaria Pescara-Roma fra le priorità di Conte per la fase 3

di Redazione | 03 Giugno 2020 @ 19:50 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Con i fondi che arriveranno avremo la possibilità di programmare e realizzare questi progetti, tra cui l’Alta Velocità Roma-Pescara”.

Lo ha annunciato Giuseppe Conte nel corso della conferenza stampa, andata in scena nel cortile di Palazzo Chigi, sulla fase 3 dell’emergenza Coronavirus.

Tra le priorità elencate infatti dal premier in vista del rilancio economico dell’Italia, anche la necessità di potenziare le linee ferroviarie Roma-Pescara e la Pescara-Bari-Lecce, “perché attualmente inaccettabile”, anche in vista della ripresa del turismo, visto che, ha ricordato, “la bellezza dell’Italia non è mai andata in quarantena”.

MARSILIO: FELICE, NON SIA SOLO ANNUNCIO

“L’Alta Velocità Pescara-Roma e lungo la costa adriatica annunciata dal presidente Conte dà pienamente ragione della battaglia che conduco sin dal primo giorno per portare l’Abruzzo fuori dalle secche. Fino ad oggi la risposta del Governo si è fermata al semplice ‘potenziamento’ delle linee esistenti, cercando di ‘velocizzare’ i percorsi, ma sempre nei limiti delle infrastrutture esistenti. In particolare per la linea Pescara-Roma, sia Rfi che il Mit hanno sempre escluso un investimento per portare l’Alta Velocità, ritenendolo sproporzionato sotto il profilo ‘costi-benefici’. Per questo, anche il tavolo costituito a marzo scorso tra Rfi, Mit e le Regioni Lazio e Abruzzo per la velocizzazione della Pescara-Roma sta lavorando (i risultati sono attesi entro la fine di giugno) nei limiti economici e strutturali descritti. Se ora il Presidente Conte afferma con l’autorevolezza del Capo del Governo che – finalmente – si punterà all’Alta Velocità non posso che esserne felice, augurandomi che quanto dichiarato non sia solo un proclama ad effetto destinato ad esaurirsi in pochi giorni, ma l’inizio di una nuova storia per la nostra Regione”.

Lo ha dichiarato il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio.

MARCOZZI (M5S): FIERI DI BATTERCI SU QUESTO TEMA DA OLTRE 6 ANNI

“Nel corso della conferenza stampa riguardo alle ultime novità in merito all’emergenza Coronavirus, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha inserito tra le opere urgenti e necessarie per l’Italia anche l’alta velocità Pescara-Lecce e l’alta velocità Pescara-Roma. È una splendida notizia per tutto l’Abruzzo, le cui infrastrutture entrano con forza all’interno dell’agenda del Governo del Paese. In particolar modo, per ciò che riguarda i tratti di alta velocità, il Movimento 5 Stelle ha portato il tema all’interno delle istituzioni regionali fin dal primo giorno del suo insediamento nella passata legislatura. Siamo felici che adesso, grazie all’azione dell’esecutivo guidato da Conte, questo obiettivo dichiarato inizi ad assumere i contorni della realtà”.

Lo afferma il capogruppo M5s in Regione Abruzzo Sara Marcozzi a commento delle dichiarazioni rilasciate dal presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte.

FINA (PD): BENE CONTE, INTERVENTI FONDAMENTALI

“Un’ottima notizia, si tratta di interventi fondamentali per l’Abruzzo, per recuperare centralità e opportunità”.

È il commento del segretario del Partito Democratico abruzzese Michele Fina alle dichiarazioni del presidente del Consiglio che ha citato le tratte ferroviarie abruzzesi (in particolare quelle che vanno da Pescara a Roma e da Pescara a Lecce) tra le opere da finanziare e realizzare sul territorio, anche attraverso l’Alta Velocità.

Per Fina “gli investimenti in infrastrutture solo quelli più importanti e fruttuosi, e questo vale ancora di più per una regione come la nostra che a fronte della sua posizione baricentrica ha ancora notevoli margini di miglioramento dal punto di vista dell’accessibilità e dell’efficienza dei collegamenti. Sin da quando lo scorso anno ho assunto l’incarico di segretario del partito regionale, nelle attività di dialogo e confronto con il governo e il partito nazionale abbiamo posto il tema delle infrastrutture come prioritario e fondamentale. Oggi quel lavoro di tessitura ha un riscontro di cui siamo soddisfatti: è ovvio che le necessità della nostra regione non si esauriscono con la realizzazione degli interventi in questione, occorre concentrarci anche su altre priorità. Noi da parte nostra non manchiamo di stimolare il governo nazionale e quello regionale su una programmazione degli interventi strategici infrastrutturali che tenga conto di tutto il territorio abruzzese”. 

 

 


Print Friendly and PDF

TAGS