Possibile rallentamento delle vaccinazioni in Abruzzo dopo la sospensione dell’AstraZeneca

di Redazione | 18 Giugno 2021 @ 10:25 | SALUTE E ALIMENTAZIONE
AstraZeneca
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Potrebbero esserci dei problemi per le vaccinazioni anche in Abruzzo, dopo la sospensione della somministrazione del siero AstraZeneca. Infatti, l’Abruzzo, tra le regioni italiane con le migliori performance, vede un piccolo rallentamento.

La Provincia, che attualmente ha più criticità, è quella dell’Aquila. Le altre 3 provincie procedono, ma anche se con i numeri più bassi rispetto a quando l’AstraZeneca si poteva utilizzare.

Neanche la metà dei vaccinati ha ricevuto la seconda dose, raggiungendo quella soglia di immunità che gli studi più aggiornati considerano relativamente sicura davanti alla diffusione delle varianti.

L’ultima media mobile a 7 giorni di dosi somministrate ogni giorno in Abruzzo è di 10.510. Di queste 361 sono monodose. A questo ritmo ci vorranno 3 mesi e 11 giorni per coprire l’80% della popolazione vaccinabile. L’obiettivo sarebbe raggiunto il giorno 27 settembre.


Print Friendly and PDF

TAGS