Ponte Belvedere, Romano pungola. Daniele replica: “Verifica del progetto in corso”

di Alessio Ludovici | 27 Settembre 2022 @ 17:10 | POLITICA
consiglio comunale
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Interpellanza in consiglio comunale di Paolo Romano, consigliere comunale di L’Aquila Nuova che torna a sollecitare l’amministrazione sul destino del Ponte Belvedere. Romano ha ripercorso la complessa vicenda del ponte, dall’ipotesi di una sua ristrutturazione al project financing, al ponte “medievale” fino alla soluzione del ponte strallato. Nella sua interpellanza Romano ricorda anche la presentazione pubblica che c’è stata a maggio scorso, una presentazione mediatica, questo il ragionamento, di cui però non si vede ancora la realizzazione. Il vicesindaco Raffaele Daniele ha illustrato lo stato dell’iter. Dopo maggio, in pratica, sono emerse criticità, anche sollevate dallo stesso Rup, che hanno ritardato i tempi. A settembre il Comune ha affidato la validazione del progetto a un società privata, una procedura, della durata di 30 giorni, che dovrebbe superare i tempi, più lunghi, che si sconterebbero con il genio civile. “Se l’esito è positivo – ha spiegato Daniele – si potrà partire”. 

Il Consiglio comunale, riunito all’Auditorium del Parco e presieduto da Roberto Santangelo ha affrontato altri punti all’ordine del giorno. Un’altra interrogazione di Romano sull’equo canone per gli inquilini Ater dimoranti nel progetto C.a.s.e. e nei M.a.p. e una di Simona Giannangeli sui gradini antistanti la Porta Santa: “Un’opera di nessuna utilità per questa città e che ha impattato duramente sul complesso” secondo la Giannangeli che ha chiesto informazioni sull’iter che ha portato alla realizzazioni. 

Approvata quindi dal consiglio la delibera per l’affidamento del servizio di trasporto pubblico a fune al Centro turistico del Gran Sasso, con la proroga del contratto di servizio e l’adeguamento delle tariffe fino alla fine dell’anno in corso. Un adeguamento postumo, di 2 euro, maggiorazione già in vigore da diversi mesi sempre Romano ha chiesto come mai non sia stata portata in consiglio prima l’aumento. “In questo modo – ha spiegato l’assessore alle Società partecipate, Paola Giuliani, illustrando in aula il provvedimento – il rapporto tra Centro turistico ed ente proprietario viene allineato all’anno solare e finanziario. In virtù di un emendamento proposto in prima commissione e recepito dal sindaco, il nuovo contratto avrà una durata di tre anni, più eventuali altri tre anni. Inoltre, in questo ultimo scorcio del 2022, in cui vigerà la proroga, il Centro turistico dovrà presentare al Comune un piano industriale e strategico di carattere pluriennale, dove verranno definite dalla società le strategie competitive dell’azienda, le azioni che saranno realizzate per il raggiungimento degli obiettivi strategici, i principali obiettivi economici e finanziari, le azioni che saranno intraprese per permettere il raggiungimento dei risultati attesi, le nuove iniziative e gli investimenti previsti e i relativi impatti sulle performance aziendali. In questo senso, l’amministrazione è aperta a tutti i suggerimenti che dovessero pervenire dal Consiglio comunale ai fini di una redazione puntuale ed efficace del nuovo contratto di servizio”.

Via libera anche alla nuova commissione comunale per l’aggiornamento degli albi dei giudici popolari di corte d’assise e corte d’assise d’appello. I nuovi membri sono Maria Luisa Ianni (Forza Italia) per la maggioranza ed Elisa Serpetti (Passo Possibile) per la minoranza, supplenti Gianluca Marinelli (Lega Salvini) e Lorenzo Rotellini (L’Aquila Coraggiosa)

All’ordine del giorno quindi il Bilancio consolidato, illustrato da Raffaele Daniele. E’ il bilancio dell’ente più quello delle partecipate. Atto di ordinaria amministrazione ma è lo stesso Daniele ad aver sottolineato alcune criticità in particolare il fatto che non collidono i bilanci del comune e quelli delle partecipate e anche quelli tra le partecipate. “Mi piacerebbe che ci fosse un aiuto da parte di tutta l’assise per fare una moral suasion sulle partecipate” ha affermato Daniele indicando nel presidente della prima commissione, Livio Vittorini, la persona che potrebbe seguire il problema e fare da collante tra giunta e assise. Sul documento Romano è tornato sulla questione Ama già emersa in commissione.

Approvati, infine, tre provvedimenti urbanistici portati all’approvazione dall’assessore Francesco De Santis, riguardanti la ricostruzione di alcuni fabbricati del centro, tra questi anche l’Hotel Duca degli Abruzzi.


Print Friendly and PDF

TAGS