Ponte Belvedere, alla Breng (con Fracassi) la progettazione dell’idea di Marg

di Alessio Ludovici | 12 Settembre 2020 @ 06:37 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Erano attesi i risultati dell’avviso per la progettazione, sulla base dell’idea progetto dello studio Marg donato al Comune, del nuovo ponte Belvedere e l’esito probabilmente è destinato a far discutere. Ieri scadevano i termini per la presentazione dei preventivi da parte dei professionisti hanno fatto richiesta di partecipazione dopo l’uscita dell’avviso, e oggi si è proceduto all’affidamento, diretto come previsto dall’avviso stesso.

A vincere è un raggruppamento temporaneo di imprese e professionisti, con lo studio Breng di Roma in rappresentanza dei mandanti Bridge Engineering srl, Mele Engineering, Giulio Valerio Mancini, Silvia Placidi, Roberta Spagnoli, Federica Durante, Fausto Fracassi, Davide Antioco Porcu, Emanuele Muselli. Del raggruppamento fanno parte, quindi, anche Fausto Fracassi e i tecnici che lo hanno coadiuvato nella perizia che ha dato nuovo impulso dopo l’affossamento del project financing di Unirest.

Una valutazione tecnica economica con cui di fatto si era ufficializzata la volontà del comune di procedere all’abbattimento del vecchio ponte e da cui erano scaturiti una serie di atti, la nomina dell’ing Mario Di Gregorio quale Responsabile unico del procedimento, l’adozione dell’idea progetto di Wolkwin Marg e, appunto, due avvisi per l’affidamento degli incarichi di demolizione e progettazione del nuovo ponte. 

Per l’avviso di progettazione erano a disposizione poco più di centomila euro e il raggruppamento Breng ha vinto con un ribasso di circa il 30% superando le altre due proposte arrivate, quella della HUB Engineering Consorzio Stabile S.C.A.R.L. e della Milan Ingegneria Srl.

A disposizione per l’opera al momento dovrebbe esserci ciò che rimane dei tre milioni di euro che l’allora Commissario Delegato per la Ricostruzione nel 2010 approvò per la realizzazione di una serie di interventi, che comprendevano la messa in sicurezza della collina Belvedere, Ponte Apollonia e appunto il Ponte Belvedere. Per la realizzazione però si stima un costo complessivo di circa sei milioni tra abbattimento dell’infrastruttura esistente e la realizzazione di quella nuova. Quest’ultima comprensiva della riqualificazione dell’area sottostante il ponte con l’aiuto in questo caso anche della cittadinanza con l’Urban Center.


Print Friendly and PDF

TAGS