Pnrr, Pezzopane: “905 milioni per rigenerazione urbana, benefici per L’Aquila”

di Redazione | 26 Gennaio 2022 @ 15:50 | POLITICA
DL energia
Print Friendly and PDF

ROMA – “Buone notizie per L’Aquila. Il governo assegna altri 905 milioni per il periodo 2022-2026, per rafforzare gli investimenti in programmi di rigenerazione urbana, tesi a contrastare le realtà di emarginazione e degrado sociale. Il governo ha favorevolmente accolto le sollecitazioni fatte in commissione e in Aula che provenivano anche dalle associazioni degli enti locali. Sono soddisfatta perché vengono recuperati i progetti esclusi, e quelli presentati dal Comune dell’Aquila che non erano rientrati tra quelli finanziati. Stiamo lavorando ogni giorno per portare un forte sviluppo ai territori ed alle economie locali bisognose di nuove opportunità. L’aumento delle risorse consente lo scorrimento delle graduatorie, così la gran parte dei progetti già dichiarati ammissibili avrà una risposta concreta”.
Lo dichiara la deputata abruzzese del Pd Stefania Pezzopane, della presidenza del Grupo dem alla Camera.

“L’Aquila – conclude Pezzopane – ha rischiato gravemente di perdere l’opportunità di guardare a progetti di rigenerazione urbana, non solo attesi dalla città ma addirittura promossi dalla società civile, come quello dello stadio di Acquasanta. Sulla Sercom la Giunta comunale dovrebbe dire come far dialogare quel progetto con i restanti progetti della ricostruzione urbana e con il sistema urbanistico territoriale, in un’area, quella di Sassa, dove sono state fatte varie ipotesi tutte scollegate una dall’altra. La rigenerazione urbana è uno strumento innovativo che guarda alla riqualificazione e alla rifunzionalizzazione, ma all’interno di un progetto di città che bisogna avere nell’insieme. Bene ha fatto il governo ad ascoltare tutti noi che coralmente hanno inteso assicurare la piena sostenibilità della graduatoria; il vero vulnus era rappresentato dal Nord Italia. Grazie alle pressioni anche di Anci nazionale si è arrivati al risultato del quale L’Aquila, unico capoluogo escluso in Abruzzo, ora potrà beneficiare.”


Print Friendly and PDF

TAGS