Pettino, Movimento giovanile della sinistra: “Stop a chi fomenta il razzismo”

di Redazione | 11 Settembre 2020 @ 18:19 | POLITICA
migranti
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Non possiamo più stare a guardare. Non è più tollerabile il  comportamento becero della lega cittadina. I rampolli giovani e vecchi nell’ultima settimana stanno dando il peggio di loro macchiando pesantemente il volto di questa città. L’Aquila non è questo. Non lo è mai stata e noi non lo siamo.” Così il Movimento giovanile della Sinistra dell’Aquila. Il riferimento è alle polemiche di questa mattina dopo qualche momento di tensione in una struttura per rifugiati, dove in una parte della struttura sono isolati alcuni positivi al Covid e gli altri però avrebbero avuto delle limitazioni eccessive a loro modo di vedere. 
“Noi non siamo – continuano nella nota – quelli che insultano e deridono due donne ed un bambino che hanno passato una notte per strada e si trovano sotto il sole. Noi non siamo quelli che inventano menzogne e falsi arrivi di migranti come è accaduto a Sant’Elia. Noi non siamo tra quelli che puntano il dito contro dei migranti ospiti di una struttura come se fosse untori, nonostante siano negativi ai tamponi e abbiano già rispettato la quarantena. Noi non siamo questo ma non solo. Noi ci opponiamo a questo comportamento che riteniamo indegno e che insulta l’identità della nostra città.”
“Gli aquilani non sono questo. Se la Lega come annunciato farà una mobilitazione contro i migranti ospiti della città e contro le politiche umanitarie e solidali noi non resteremo a guardare, faremo la nostra mobilitazione, non solo per opporci al modo di fare dei leghisti nostrani, ma soprattutto per rappresentare tutte quelle cittadine e tutti quei cittadini, tutte quelle ragazze e quei ragazzi che come noi a queste condizioni non ci stanno.
Siamo sicuri di essere la maggioranza e come popolo democratico e accogliente ci faremo sentire. Lasciate stare chi soffre, siete al governo della città, pensate a dare risposte e non fomentare l’odio e il razzismo che sta mietendo troppe vittime nel paese e nel mondo.”

Print Friendly and PDF

TAGS