Permessi auto centro storico, nuovo regolamento in vigore da luglio

di Alessio Ludovici | 05 Aprile 2021 @ 06:16 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – La Giunta Comunale ha approvato il nuovo regolamento per il rilascio dei permessi per il transito o la sosta nelle varie zone a traffico limitato istituite in centro. I permessi vigenti sono contestualmente prorogati al 30 giugno, per permettere l’implementazione del portale web dedicato e l’adozione degli atti propedeutici alla gestione dei permessi.

A partire dal primo luglio quindi sarà pienamente operativo il nuovo regolamento redatto dal settore Polizia Municipale. I Citypass saranno diversi a secondo delle categorie. Per poter circolare in una Zona a Traffico Limitato o in un’Area Pedonale Urbana (d’ora in avanti APU), o per poter sostare nelle aree di sosta riservate ai residenti istituite in una Zona di particolare Rilevanza Urbanistica (d’ora in avanti ZRU) sarà indispensabile munirsi del Citypass.

Questo, è ribadito nel regolamento, “non dà diritto ad una riserva esclusiva di posto auto all’interno della ZTL di riferimento o nell’ambito degli stalli riservati ai residenti nella ZRU”.
Le zone di assegnazione sono stabilite d’ufficio. L’assegnazione è sulla base della residenza o dimora del richiedente, o sulla base del luogo in cui si trova il posto auto utilizzato. Il permesso è gratuito.

Sono previste diverse categorie di potenziali richiedenti. Residenti e dimoranti in centro storico innanzitutto. Poi ci sono commercianti, enti ed associazioni, professionisti e artigiani, strutture ricettive e giornalisti. Per tutti questi ultimi il permesso sarà valido il tempo necessario all’intervento o ad esempio per operazioni di scarico, sulla scorta di quanto sperimentato fino ad oggi. 

In particolare il permesso per i residenti

consente il transito nella ZTL di appartenenza. Eventualmente anche nell’APU che si renda necessario attraversare per raggiungere la propria ZTL. Permette inoltre la sosta all’interno della ZTL di appartenenza, nel rispetto di quanto stabilito dagli artt. 7 e 158 del Codice della Strada e negli stalli riservati ai residenti istituiti in una ZRU limitrofa. 

Possono farne richiesta i residenti anagrafici proprietari di immobili ad esclusivo uso abitativo o chi dimostra la stabile dimora. Per i residenti anagrafici può essere rilasciato un citypass per ogni componente del nuclei familiare fino ad un massimo di tre. Il pass è comunque legato all’autovettura però. Per i dimoranti il limite scende a un pass per ogni unità abitativa.

Il veicolo per il quale si chiede il rilascio del permesso deve essere intestato al medesimo, ad un componente del proprio nucleo familiare o ad un parente entro il secondo grado che dichiari di concedere in uso esclusivo e continuativo il veicolo al richiedente.

Per quanto riguarda il “Richiedente “dimorante”, il veicolo per il quale si chiede il rilascio del permesso deve essere intestato al medesimo o ad un parente entro il secondo grado che dichiari di concedere in uso esclusivo e
continuativo il veicolo al richiedente. In entrambi i casi, se il veicolo per il quale si chiede il permesso è intestato a persona fisica diversa da quelle indicate, occorre che sulla carta di circolazione del mezzo sia annotato il nome del richiedente quale utilizzatore del veicolo per un periodo superiore a 30 giorni”.

La circolazione nell’APU di appartenenza è prevista solo per necessità di brevissima durata (es. scaricare la spesa o accompagnare una persona non autosufficiente) e ove necessario anche per raggiungere la Ztl limitrofa. 

Citypass: sperimentazione positiva 

La sperimentazione delle limitazioni al traffico in centro storico è valutata positivamente dall’Amministrazione, si legge nella delibera. Ad oggi sono attive due Ztl, due Apu e una Zru su Via Castello. La graduale pedonalizzazione di settori del centro, del resto, e nei limiti dei processi di ricostruzioni è sempre stata prevista e richiesta dagli stessi cittadini. Il vero scoglio resta la carenza di parcheggi. Ad oggi gran parte delle soste senza pass si è “scaricata” sulle zone del centro senza restrizioni. Queste sono anche le più abitate e quelle con più cantieri in questo momento. 

 


Print Friendly and PDF

TAGS