Partito Animalista Italiano, esposto su ordinanza acqua potabile

di Redazione | 13 Giugno 2022 @ 14:42 | AMBIENTE
acqua esposto
Print Friendly and PDF

Presentato l’esposto del Partito Animalista Italiano su caos e allarme procurato per l’ordinanza (poi revocata) che ha provocato, secondo il Partito Animalista Italiano, i supermercati presi d’assalto, panico nelle famiglie, asili, nei rifugi e oasi animalisti per mancanza d’acqua potabile.
 
“Tratti dall’esposto del presidente Cristiano Ceriello, racconta come: “si sono svolte “scene da primo lockdown a L’Aquila: supermercati letteralmente presi d’assalto da tanti cittadini in cerca di forniture d’acqua, dopo l’ordinanza di sospensione della potabilità emanata dai comuni a livello precauzionale, a seguito dei lavori al traforo del Gran Sasso. La notizia si è diffusa a supermercati ormai chiusi, così tante persone si sono riversate negli unici due aperti h24, i due Carrefour. Lunghe file e scorte di magazzino messe a dura prova hanno innervosito gli animi, tanto che sono state inviate Volanti della Polizia a monitorare la situazione, che comunque al momento risulta ancora tranquilla. Tranquille però non sono le tante persone che hanno raggiunto e continuano a raggiungere gli unici due supermercati aperti. Gente in fila ai magazzini, utenti costretti ad arrivare a piedi, per parcheggi tutti occupati, file lunghissime davanti ai magazzini dei supermercati in attesa della propria “razione” d’acqua. E quando l’acqua non basta, si passa all’acquisto di qualunque liquido “potabile”, dai succhi di frutta a perfino bibite gasate” L’accaduto oltre a destare sconcerto, lascia dubbi in che modo e da quali fonti sia stata gestita o provocata la comunicazione e/o in che modo si siano diffuse notizie così allarmanti.
 
Per questo il Partito Animalista Italiano ha deposito Formale Esposto alla Prefettura (organo territoriale del Governo) anche ai sensi dei disposti del TUEL contro persone da identificarsi che avrebbero provocato un eccessivo allarmismo, se non un ingiustificato procurato allarme, per i fatti sopra esposti.
Ringraziamo la referente del Partito Animalista, Monica Pilolli, che ci ha segnalato per tempo l’accaduto.
 E’ gravissimo quanto successo, ed insieme alle Autorità, conclude il PAI, dobbiamo vederci chiaro” afferma il Partito Animalista Italiano. 

Print Friendly and PDF

TAGS