Partecipazione democratica online sui siti web dei Comuni, attenzione ai dati diffusi

di Redazione | 21 Maggio 2021, @06:05 | LA LEGGE E LA DIFESA
Partecipazione democratica
Print Friendly and PDF

Il Garante per la protezione dei dati, con l’ordinanza numero 73 del 25 febbraio 2021 ha fornito un chiarimento su una questione delicata ma che cominciava a far discutere. Il caso riguardava l’adozione, da parte di un comune, di uno strumento di consultazione dei cittadini online. Si trattava di un istituto di partecipazione democratica che permetteva agli abitanti di proporre osservazioni e proposte direttamente al consiglio comunale.

Un utente, che ha partecipato all’iniziativa, ha però posto un reclamo al garante perché il Comune aveva pubblicato in chiaro la sua richiesta con tutti i dati personali visibili. 

L’autorità, dopo la consueta istruttoria, ha comminato una sanzione amministrativa al Comune. Una sanzione modesta ma simbolicamente importante. Anche se c’è l’obbligo di pubblicità, spiega il Garante, non è possibile effettuare una comunicazione indiscriminata di dati personali. 


Print Friendly and PDF

TAGS