Parco urbano di Piazza d’Armi, per fare i nuovi rilievi bisogna eliminare anni di vegetazione spontanea e rifiuti

di Alessio Ludovici | 03 Luglio 2024 @ 05:41 | ATTUALITA'
Parco urbano di Piazza d'Armi
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Il Comune dell’Aquila ha affidato la manutenzione straordinaria del verde diffuso nell’area di Piazza d’Armi per permettere i rilievi topografici dell’area in vista del “nuovo” iter di progettazione del Parco Urbano.

Una vicenda ormai ultra decennale quella del Parco urbano che, nonostante le alterne vicende burocratiche e contrattuali, ha ottenuto una sua ridefinizione nel 2023 e conta su un budget complessivo sceso a 19 milioni di euro (15 dal bando periferie e quattro dalla quota del Pd della cosiddetta Legge Mancia) dai 22 precedenti. Sul nostro giornale potrete trovare un’ampia cronistoria della vicenda che dal 2012, con l’avvio della gara per il parco urbano si è trascinata, tra mille contenziosi, fino al 2022 quando il Comune dell’Aquila ha deciso di rescindere il contratto con l’impresa e cominciare un nuovo iter. Difficile, perché sarà necessaria una gara europea per la realizzazione del teatro e del parco, farcela entro il 2026.

Intanto i primi rilievi affidati a maggio hanno evidenziato il forte degrado dell’area, caratterizzato da una fitta vegetazione e alberi non mappati che ostacolano i rilievi topografici. Di conseguenza, è stato deciso di affidare un intervento di manutenzione straordinaria del verde che prevede potature di contenimento, la rimozione di arbusti e rovi, piante secche, l’allentamento dei rifiuti. Di circa 20mila il valore dell’intervento affidato a una Srl.


Print Friendly and PDF

TAGS