Parco Sirente Velino, sit in contro la riperimetrazione

di Redazione | 23 Luglio 2020 @ 19:17 | POLITICA
criticità
Print Friendly and PDF

Il 24 luglio, alle ore 17,30, di fronte la sede del Parco Sirente-Velino, a Rocca di Mezzo, si terrà un sit-in per il rilancio del Parco, per la tutela dell’area protetta e delle comunità che la abitano, contro la proposta di legge regionale della Lega di procedere ad una sua riperimetrazione.
 
“Riteniamo che la proposta leghista rappresenti una mutilazione non solo dei confini del parco ma anche delle possibilità di rilancio e valorizzazione di un territorio meraviglioso quale quello del Parco Sirente-Velino e più nello specifico della Valle Subequana”, lo affermano Sinistra Italiana L’Aquila, Partito Democratico, Articolo Uno, Cambiareinsieme-IDV, Movimento Giovanile della Sinistra. 
 
“I problemi che affliggono l’amministrazione del parco e i comuni ricadenti nel suo perimetro non troveranno soluzione da questa proposta ma un ulteriore aggravamento. La gestione della fauna selvatica necessita, come è ormai noto a tutti, di un approccio scientifico e non la si può affrontare aprendo la caccia quattro mesi l’anno sul confine del parco, è evidente che questa proposta ha un fine elettoralistico e non certo di gestione della fauna. La ricostruzione post-sisma, dopo undici anni, richiede adeguamenti della norma e non certo riperimetrazioni volte ad eliminare i centri storicidei borghi dal parco, in questo modo si creeranno solamente danni paesaggistici, urbanistici e edilizi. La Regione deve finanziare cospicuamente il Parco, dotarlo di un nuovo ed efficiente sistema di governo e soprattutto rilanciare quei territori promuovendo la tutela, la cura, la bellezza e una diffusione di servizi sociali, culturali, sanitari e scolastici. In questo modo darà la possibilità al territorio del parco di rinascere e all’area protetta di rappresentare un’opportunità anche di occupazione lavorativa e di vita stabile entrambe di alta qualità. Altre proposte rispondono solo ed esclusivamente a bisogni elettoralistici, tradendo una grande miopia e mancanza di visione del futuro, che finiranno per aumentare i problemi e non risolverli. La petizione “Salviamo il Parco Sirente-Velino” giunta ad oltre 75000 firme dimostra una enorme sensibilità al destino di questo territorio protetto e da valorizzare”.
 
“Ringraziamo il comitato spontaneo di residenti per il lavoro finora svolto e per il coraggio dimostrato anche a fronte di atteggiamenti intimidatori di alcuni sindaci culturalmente “padani”. Invitiamo pertanto le cittadine e i cittadini ad unirsi a noi venerdì 24 alle ore 17,30″, concludono.

Print Friendly and PDF

TAGS