Parco Gran Sasso Laga: col progetto ‘Valor’ nuovi giovani agricoltori

Nonostante i disagi e le restrizioni della pandemia il progetto non si è fermato e si è riusciti a raccogliere oltre 100 feedback da esperti e agricoltori

di Marianna Gianforte | 21 Settembre 2022 @ 06:09 | AMBIENTE
giornata della sostenibilità
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Si è tenuta ieri al palazzetto dei Nobili la conferenza internazionale finale del progetto ‘Erasmus + Ka Valor’, per illustrare i risultati di tre anni di lavoro svolto unitamente alla partnership europea. Il progetto Valor, cofinanziato dall’Unione europea con il programma Erasmus+, che ha voluto il Parco nazionale del Gran Sasso-Laga capofila, è un progetto triennale ideato per sviluppare nei territori coinvolti un quadro di competenze professionali nell’ambito dell’agricoltura resiliente e sostenibile e fornire soprattutto ai giovani agricoltori gli strumenti necessari per intraprendere questo tipo di attività attraverso specifici corsi di formazione on-line liberamente accessibili.

Nonostante i disagi e le restrizioni della pandemia, il progetto non si è fermato e si è riusciti a raccogliere oltre 100 feedback da esperti e agricoltori di tutti i paesi membri dell’alleanza, un’ottima base di partenza e di contributi tecnici per la costruzione dei corsi di formazione in agricoltura resiliente, come spiega l’agronomo del Parco nazionale Gran Sasso Laga Giorgio Davini

Le antiche tecniche agricole nell’agricoltura resiliente e sostenibile, indagate in questi tre anni dagli esperti degli enti coinvolti, descrivono il quadro necessario per sviluppare e gestire una formazione dedicata all’agricoltura resiliente e sostenibile. Le linee guida del progetto Valor hanno, quindi, lo scopo di guidare i partner e ispirare i professionisti europei del settore nella progettazione di curricula formativi di alta qualità volto a promuovere e sostenere la valorizzazione delle antiche tecniche agricole in agricoltura resiliente e sostenibile.

Alla conferenza hanno preso parte l’intera partnership di Valor (nove Paesi dell’Unione europea) composta dal Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, dal Parco Nazionale dell’Olimpo, Necca dalla Grecia; dal Parco naturale della Foresta Nera Centro Nord dalla Germania; dall’Università della Tessaglia, dalla Grecia; dall’università “Stefan cel Mare” Suaceva, dalla Romania; da Makro società di sviluppo manageriale e di consulenza, dalla Turchia; dal centro di Scienza e Tecnologia Forestale della Catalogna, Spagna; da Sintesi, centro per la ricerca e l’educazione, di Cypro; da Integra Filder e V., Associazione di promozione sociale che opera con i migranti, dalla Germania. In platea anche i rappresentati dei partner associati, i rappresentati del mondo della formazione accademica, gli agricoltori esperti e neofiti, i rappresentati delle comunità locali e tutti i portatori di interesse per lo sviluppo di un sistema agricolo resiliente e sostenibile in grado di affrontare le sfide della crisi climatica mondiale.

 


Print Friendly and PDF

TAGS