Papa Francesco, sarà il primo Papa ad aprire la Porta Santa e il Giubileo di Celestino V, nella Perdonanza del 2022?

di don Daniele Pinton | 23 Febbraio 2022 @ 10:00 | CREDERE OGGI
Giubileo Celestino V
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Un quesito, non una certezza, stà circolando da qualche ora, nel Capoluogo della Regione Abruzzo, se cioè, Papa Francesco sarà il primo Papa ad aprire la Porta Santa e il Giubileo di Celestino V, nella Perdonanza del 2022.

Questa mattina, il Cardinale Arcivescovo Giuseppe Petrocchi, a margine dell’incontro con i giornalisti abruzzesi, sul tema “Comunicazione sociale: fare il bene e farlo sapere”, rispondendo ai quesiti di due giornalisti, si è soffermato sulla eventuale conferma della venuta di Papa Francesco a L’Aquila, per la Perdonanza Celestiniana 2022.

La notizia della possibile venuta del Papa per la Perdonanza celestiniana, ancora in una fase ipotetica, era attesa, da mesi, cioè da quando, dopo un colloquio avuto con il Santo Padre nel mese di Luglio 2021, il Porporato, all’inizio della celebrazione eucaristica per l’apertura della Porta Santa, il 28 agosto 2021, aveva annunciato alla comunità diocesana la sua richiesta formulata a Francesco.

Da allora, la Curia aquilana ha iniziato il percorso formale, con il quale concretizzare questo evento storico, non solo per la Chiesa, ma anche per la stessa Perdonanza, che dopo essere stata iscritta nel 2019, nella lista del Patrimonio Immateriale UNESCO, vedrebbe, per la prima volta nella storia, il primo Papa presente alla Perdonanza Celestiniana che, a soli tre anni dal Giubileo romano del 2025, aprirebbe la Porta Santa della Basilica di S. Maria di Collemaggio.

Infatti, nessun Papa, fino ad ora ha partecipato alla Perdonanza celestiniana. Celestino V, incoronato papa a Collemaggio il 29 agosto 1294, promulgò la Bolla del Perdono un mese dopo, cioè il 29 settembre 1294, e non partecipò mai alla Perdonanza, in quanto nella prima Perdonanza della storia, cioè il 28 agosto 1295, era già imprigionato per volontà di papa Bonifacio VIII, estensore del primo Giubileo universale, nel 1300.

Il Cardinale Petrocchi, ha affermato di avere già presentato alla Prefettura della Casa Pontificia, la bozza di una proposta per la venuta del Papa, e della possibile visita nelle prossime settimane del Reggente la Casa Pontificia, Mons. Leonardo Sapienza, che accompagnato dalla Gendarmeria Vaticana, dovrà vagliare i luoghi presente nella proposta del Cardinale Arcivescovo e la fattibilità della visita papale.

Nel suo intervento alla stampa, il Cardinale Arcivescovo, ha chiesto di pregare insistentemente perché possa realizzarsi questo evento storico per il capoluogo abruzzese, affermando di augurarsi che una delle tappe della visita del Pontefice, qualora venisse confermata, sia la Cattedrale di San Massimo. 

La visita papale, di cui non si conosce nessun particolare, se non della eventuale visita alla Cattedrale distrutta dal sisma del 2009 e della presenza del Papa a Collemaggio per i Rito di Apertura della Porta Santa, se si concretizzerà, vedrà nei prossimi mesi, un impegno non solo della Diocesi aquilana, ma anche delle istituzioni cittadine per preparare l’evento storico che, tra l’altro, cadendo di domenica, se la visita sarà dalla mattina, darà alla Perdonanza, una risonanza mediatica eccezionale, in quanto, come di consueto il Santo Padre, alle ore 12, guiderà la preghiera dell’Angelus, però, questa volta, non da Piazza S. Pietro a Roma, ma da un luogo ancora da definire, della Città.


Print Friendly and PDF

TAGS