Palazzo Camponeschi, aggiudicati i lavori per il cortile e i locali annessi

Per un totale di 1milione 150mila euro. Un ribasso sulla base d'asta di circa il 21%

di Alessio Ludovici | 19 Gennaio 2021 @ 06:30 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Sono stati aggiudicati dal Provveditorato alle Opere pubbliche, i lavori per il completamento della ristrutturazione di Palazzo Camponeschi. Ai lavori di restauro dell’edificio mancavano, infatti, la sistemazione del cortile esterno con il restauro dei locali annessi. La base d’asta dei lavori è di quasi 1milione e mezzo. Ad aggiudicarsi i lavori è l’Ati Valleriani Enrico Srl, Elettroidraulica Silvi Srl e Halt Sas di Borzacchini e c, per un totale di 1milione 150mila euro. Un ribasso sulla base d’asta di circa il 21%.
Un aggiudicazione che arriva all’esito di un iter con diversi intoppi, tra errori materiali, poi corretti, e ricorsi al Tar, poi respinti.

A Palazzo Camponeschi, nel frattempo restaurato e inaugurato, che per decenni è stato la sede del Magistero dopo la cessione da parte dei Gesuiti, è andato il Rettorato dell’Univaq, una volta a Palazzo Carli. Con i lavori sul cortile si completa uno dei gioielli dell’architettura civile aquilana.

La consulenza progettuale è degli aquilani della Mark Studio.  “Le lavorazioni contemplate nel progetto possono dividersi in due tipologie principali di intervento: opere di restauro e rifunzionalizzazione degli spazi interni e completamento della sistemazione dell’area del cortile. Uno degli elementi più caratterizzanti dell’intervento è certamente la vetrata continua prevista nel progetto esecutivo a base di gara, sia in relazione alla qualità della proposta architettonica che rispetto alla valorizzazione e fruizione degli spazi interni.”

A proposito dei Gesuiti, in uno degli ultimi elenchi della ricostruzione privata, è stato dato il via libera anche ai lavori per l’ex collegio di via Camponeschi, Via Sallustio, il palazzo dell’Upim per intenderci. Circa dieci milioni di euro di lavori. I Gesuiti sono andati via dall’Aquila e avevano lasciato lo studentato all’Adsu prima del sisma. Non è chiaro quale ne sarà il futuro utilizzo a questo punto. 


Print Friendly and PDF

TAGS