Ospedale San Salvatore, Anaao: “Positivo il trasferimento dei reparti nel Delta 7″

di Redazione | 22 Novembre 2021 @ 19:12 | ATTUALITA'
disabili
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Riceviamo e pubblichiamo dal Dott. Loreto Lombardi,Segretario aziendale L’Aquila Anaao Abruzzo: 

“Da qualche tempo, a proposito della riorganizzazione dell’ospedale San Salvatore, si susseguono posizioni critiche e perplessità sul trasferimento al nuovo edificio Delta 7 dei reparti non chirurgici oggi situati nel Delta 6. Un settore, quest’ultimo, che non fu progettato per accogliere pazienti e che si è rivelato un male necessario in un periodo di emergenza come quello post sisma.

Ma una situazione di emergenza non può durare in eterno e il nostro sindacato, che da anni spinge per accelerare la riapertura del Delta 7 dopo i lavori di ristrutturazione, trova assurdo e incomprensibile che ciò avvenga dopo dodici anni dal terremoto. La burocrazia italiana, purtroppo, è in grado di raggiungere vette estreme e non risparmia neanche le strutture sanitarie deputate alla cura e alla salute dei cittadini e baluardo di uno Stato che si voglia definire “sociale”. 

Detto ciò, per noi il trasferimento è un atto dovuto e positivo anche perché potremmo utilizzare per altri scopi, ad esempio nuove assunzioni o investimenti in nuove infrastrutture o macchinari, i consistenti risparmi (canoni di affitto per circa 300.000 euro l’anno) che ne deriveranno. 

Da quanto si evince dalla stampa, in questo momento, ci sono perplessità da parte di alcuni che non ritengono opportuno il trasferimento in base alle notizie che si hanno.

Il direttore generale della Asl 1 Ferdinando Romano, da noi invitato a chiarire, ha assicurato che, oltre al trasferimento di vari reparti al Delta 7, al momento l’unica ipotesi aggiuntiva in campo è quella del trasferimento al Delta 6 degli uffici che ora sono in via Saragat, un “avvicinamento” molto positivo che chiediamo da tempo e che potrebbe favorire il dialogo e l’interscambio evitando che una Direzione situata a chilometri dal presidio ospedaliero risulti estraniante. 

Molti colleghi ci chiedono come si potranno organizzare reparti più grandi nel Delta 7 con il personale ora in servizio. Il direttore, sul punto, ha assicurato di voler incrementare il personale anche con nuove assunzioni e ha ribadito che si andrà a regime con l’implementazione degli operatori.

Auspichiamo comunque che al più presto, appena cessata questa emergenza economico-finanziaria, la Asl possa mettere mano alla situazione viabilità e parcheggi che sta diventando, per certi versi, non più sostenibile. Riteniamo in particolare che sia necessario aprire un tavolo con il Comune per risolvere questo annoso problema poiché metà della viabilità ospedaliera è comunale.”

 


Print Friendly and PDF

TAGS