Ospedale Covid Pescara: Anao: ingegnoso espediente senza precedenti

di Matilde Albani | 27 Aprile 2020, @06:04 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “La politica locale (destra e sinistra), eccezion fatta per il consigliere regionale dem Pierpaolo Pietrucci, sta tenendo la bocca cucita in merito alla realizzazione del nuovo Ospedale Covid di Pescara da oltre 200 posti letto”.

Ad alzare le barricate, finora, il sindacato dei medici ospedalieri. 

“Come si giustifica un opera così complessa partendo dal numero dei posti letto e il numero ingente di personale di cui avrebbe bisogno?”, dice ai nostri microfoni il segretario dell’Anao, Loreto Lombardi.

“Non abbiamo avuto quel flusso costante di pazienti e soprattutto i numeri, per poter pensare alla realizzazione di un’opera di una fastosità senza uguali. Il fabbisogno Covid – dice, – è praticamente coperto dagli ospedali di tutta la regione e l’autarchia pescarese, senza confronti, ma con estromissioni, la dice tutta.  Prima del Covid si battevano i pugni per la riorganizzazione della rete ospedaliera, adesso il Covid puzza di ingegnoso espediente”.


Print Friendly and PDF

TAGS