Orso ritrova il suo proprietario e commuove l’Italia: in migliaia lo seguono sui social

Da Vittorito il pastore abruzzese la cui storia sta commuovendo il web

di Redazione | 22 Novembre 2020 @ 14:35 | Pillole social (di tutto di più)
Print Friendly and PDF

Proviene dalla provincia aquilana, per l’esattezza da Vittorito, il pastore abruzzese la cui storia sta commuovendo il web. Orso, questo il suo nome, è stato colpito da una grave forma di paralisi generalizzata a tutti i muscoli, verso metà giugno. Nonostante una prognosi riservata e il parere pessimista dei primi medici veterinari consultati, il proprietario , non si è voluto arrendere e dopo una accurata ricerca su internet, ha trovato il modo di far curare il suo cane. Dopo 4 lunghi mesi di riabilitazione Orso sta tornando a camminare, contro ogni previsione. E’ di una settimana fa il video che ha ripreso i suoi primi passi mostrandoli a tutti quelli che lo seguono su fb , migliaia di persone da tutta Italia. Il video,definito “il più bel video del 2020”,  ha raggiunto dieci mila visualizzazioni in meno di 24 ore e continua ad oggi, ad essere condiviso e ricevere like da Torino, Brescia, Milano, Roma e da ogni parte d’Italia. 
La commozione di quei primi momenti è poi aumentata fino a ieri sera, quando finalmente, Orso si è potuto muovere, tutto tremante, per raggiungere le mani di Gaetano, il suo “papà” umano che non ha badato a sacrifici pur di salvarlo, nonostante il suo cane non sia giovanissimo ( 11 anni) e le  gravi condizioni  in cui la malattia lo aveva ridotto. 
Facebook esplode per la storia di Orso e ogni giorno centinaia di fans lo seguono, anche per un solo video del suo percorso riabilitativo. 
Orso, un pastore abruzzese doc, simbolo dell’Abruzzo, proveniente dall’Aquilano, sta mostrando a tutta Italia la forza e la determinazione che pochi esemplari riescono ad avere nelle sue condizioni.
L’amore di una famiglia che non si è voluta arrendere davanti alla malattia del proprio cane, dandogli una nuova possibilità per farlo tornare a vivere come un tempo.  


Print Friendly and PDF

TAGS