Orbita bassa, con economia spaziale vantaggi per imprese

di Matilde Albani | 16 Maggio 2022 @ 06:00 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Dalle simulazioni della nostra vita quotidiana, utilizziamo un servizio satellitare una quarantina di volte al giorno , come minimo. Gli usi si moltiplicano, dalla sorveglianza del traffico ai taxi, dal tracciamento di autobus, camion e tram, dalle navi agli aerei

L’economia dello spazio, ovvero la fascia della cosiddetta orbita bassa, fra i 300 e i mille chilometri di altezza, dobbiamo considerarla oramai praticamente un’estensione del suolo terrestre. Non esiste  attività sul nostro pianeta che non tenga conto della collaborazione possibile con i servizi che i 5mila satelliti che oggi orbitano attorno alla Terra possono offrire e di cui pure noi, certamente senza rendercene conto, siamo accaniti utenti anche solo indirettamente.

Su questo tema si è svolto a L’Aquila un Seminario sullo “Sviluppo piattaforme per Utilizzo Orbita Bassa” organizzato dallo SPARC Cluster e dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Commissione Aerospazio .

Obiettivo,  quello di presentare la capacità industriale per i futuri progetti di accesso e sfruttamento dell’Orbita Bassa terrestre. Lo Spazio è un settore strategico e molto dinamico ed appare necessario considerare le capacità offerte dall’utilizzo dell’Orbita Bassa e delle peculiarità che possono essere messe a sistema tra imprese e enti locali. Lo scenario è internazionale e la competizione è aperta.

Il prossimo futuro ci porterà alla costruzione di Stazioni Spaziali commerciali così come la colonizzazione della Luna. In questo scenario aziende di tutte le dimensioni stanno contribuendo immaginando come potrà essere la vita fuori dal nostro pianeta madre e stanno investendo in tal senso con prodotti e tecnologie per viaggiatori del futuro. L’INTERVISTA a Guido Arista presidente Spart Cluster

 


Print Friendly and PDF

TAGS