Opposizioni contro Biondi: “Far west amministrativo in Comune”. Le critiche dopo la sentenza del Tar sul rumore

di Alessio Ludovici | 13 Giugno 2024 @ 05:00 | POLITICA
PALAZZO MARGHERITA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Conferenza stampa del centrosinistra, ieri mattina, sui provvedimenti di giunta impugnati o contestati dagli organi di controllo amministrativo. A far scattare la denuncia del centrosinistra è l’ultima sentenza del Tar che è ha annullato una ordinanza di Biondi con la quale, l’anno scorso, si prorogavano gli orari notturni di apertura dei locali e si derogava ad alcune disposizioni in materia di emissioni acustica. Solo l’ultima di una serie di “bocciature” secondo Stefania Pezzopane, Paolo Romano, Gianni Padovani e Stefano Palumbo.

La sentenza del Tar, hanno ricordato i consiglieri, segue quella del Giudice di Pace in materia autonoma sistemazione o, ancora, il pronunciamento del Consiglio di Stato sulla nomina del comandante dei vigile e, sempre dal parte del massimo organo della giustizia amministrativa, sulla copregettazione del servizio di assistenza scolastica degli alunni con disabilità. In quest’ultimo caso il Consiglio di Stato ha confermato la sentenza del Tar Abruzzo seppur con diverse motivazioni. I giudici, in particolare, osservano che il “Comune dell’Aquila ha sostanzialmente predeterminato, anche di dettagli, del servizio che l’affidatario dovrebbe svolgere, lasciando alla coprogettazione la mera definizione di aspetti secondari, secondo modalità non dissimili dalla formulazione dell’offerta tecnica nell’ambito di una normale gara di appalto”.

Sentenze, denunciano le opposizioni, che possono procurare anche danni erariali oltre che disagi ai cittadini e che evidenziano una “scarsa capacità programmatoria”.


Print Friendly and PDF

TAGS