Openpolis, in Europa registrato continuo calo di posti letto negli ospedali

di Redazione | 06 Aprile 2022 @ 11:47 | ATTUALITA'
calo
Print Friendly and PDF

La pandemia da Covid-19, che per definizione supera i confini nazionali, con un calo di posti letto negli ospedali e le difficoltà dell’emergenza ha reso lampante l’importanza di un’armonizzazione a livello europeo della qualità dei servizi sanitari. Oltre al personale medico e infermieristico, un altro parametro importante per valutarla è il numero di posti letto in ospedale in rapporto alla popolazione. Sotto questo aspetto, sussistono ancora differenze significative tra gli stati membri. In Germania ad esempio sono disponibili 791,5 letti d’ospedale ogni 100mila abitanti, mentre in Svezia appena 207,1.

  • Secondo Openpolis, sono 531,94 i posti letto in ospedale ogni 100mila abitanti in Ue (2019).

In Italia il dato è inferiore alla media: 316,3 letti ogni 100mila abitanti. Come nel resto d’Europa, si registra inoltre un marcato peggioramento rispetto al 2010, quando ce n’erano 364,35. Soltanto in 4 stati dell’Unione (Irlanda, Bulgaria, Romania e Portogallo) la disponibilità è invece aumentata.

In quasi tutti i paesi Ue, c’è stato un calo di posti letto disponibili in ospedale

La variazione nel numero di posti letto in ospedale nei paesi Ue, tra il 2000 e il 2019


Print Friendly and PDF

TAGS