Onlyfans, di cosa si tratta e gli effetti sulla società

di Enrico M. Rosati | 04 Gennaio 2022 @ 06:45 | Pillole social (di tutto di più)
Onlyfans
Print Friendly and PDF

Non è più inusuale vedere persone che all’interno dei propri social sponsorizzano Onlyfans, con promozioni o pre-view di foto disponibili nella piattaforma.

Cosa è Onlyfans

Onlyfans è un social network, molto simile al più noto e meno discusso Instagram, che permette agli utenti di avere due ruoli ben distinti. 

  • Creator 
    • Il creator è un ruolo che permette, come lascia intuire il termine, di creare contenuti che possono essere di vari tipi, ma vi è una forte propensione a realizzare immagini e/o video 18+ che i fan pagano per vedere. A seguito di varie lamentele, il sito in un suo update ha inserito il limite di 18 anni per i creators incrementando la difficoltà dei processi di identificazione. Ad oggi per creare contenuti i bisogna inviare una copia della carta d’identità e superare altre procedure di identificazione. 
  • Fan 
    • I fan sono semplicemente gli utenti che pagano per vedere i profili dei creators. 

 

Le controversie legate al sito

Una delle prime cose che ha fatto parlare molto di Onlyfans è il margine stellare di guadagno, che spesso si aggira come base intorno ai 10.000 euro al mese, così come il fatto che moltissime celebrità hanno già pubblicizzato i propri profili. Eppure, un recente documentario della BBC – #Nudes4Sale ha indagato sull’aumento della vendita di contenuti espliciti da parte di minori di 18 anni non solo su OnlyFans ma su Twitter e Snapchat Premium. Il documentario ha scoperto che fino a un terzo degli utenti di Twitter che pubblicizzano immagini esplicite con hashtag “nudes4sale” o “buymynudes” ha meno di 18 anni – secondo tecnologia di analisi facciale di Yoti. Quindi, mentre da un lato c’è una promessa di guadagno relativamente facile, dall’altra il prezzo che si paga – non a livello personale bensì a carico dell’intera società, è un incremento della cultura del sexworking sino a diventare un fenomeno con il quale, per quanto difficile per molti da comprendere, è quasi parte di una presunta normalità. 

I dati

Come immaginabile, la pandemia non ha fatto altro che incrementare il numero di utenti, infatti c’è stato un aumento del 615% 

Il motivo, come anticipato sopra, è il guadagno che per molti è considerato relativamente facile, infatti uno dei blog più famosi legato ad Onlyfans riporta una crescita di salario da far venire i brividi. 
Onlyfans

Le interviste 

Trovare delle persone, Creators, da intervistare è stata una sfida non indifferente, in quanto nonostante il web ne sia pieno, ben pochi si son dimostrati disponibili a dire la propria sul sito, in totale due persone mi hanno dato disponibilità, e solo per pochissime domande, 
La prima è P, una ragazza/intrattenitrice con una sua fama già su altre piattaforme di streaming e festival che utilizza Onlyfans come fonte primaria di guadagno. 

Ciao P, grazie mille per avermi dedicato il tuo tempo. Posso chiederti con esattezza come funziona Onlyfans?  

Eh ci sono due modi: o metterlo a pagamento mensile e chi si iscrive paga poi sta alla creator decidere cosa e come postare oppure metterlo gratuito e con contenuti a pagamento che si devono sbloccare! Il resto va tutto al modo di gestire le cose che vuole fare il creator! 

Perdonami l’ignoranza, ma quale è il guadagno del sito?  

Il sito si prende il 20% del guadagno. 

20%?! Ma è tantissimo! 

A dire il vero è una delle piattaforme che prende meno, in termini di percentuale, per questo è così gettonata. 

Ho letto che recentemente sono stati incrementati i controlli sull’età, tu conosci persone minorenni che utilizzano il sito? 

Si. Conosco molti minorenni che si sono iscritti falsificando la propria età.. e ovviamente inserendo un metodo di pagamento anche loro hanno accesso ai vari contenuti. Ovviamente, io mi son sempre rifiutata di vendere a persone di età inferiore ai 18 anni. 

 

La seconda ragazza che ho intervistato è H, plurilaureata e professionista con un certo seguito, che nel privato utilizza Onlyfans, ma non ne fa una fonte di guadagno primaria. 

Posso chiederti cosa spinge una persona così affermata dal punto di vista lavorativo ad aprire un Onlyfans?  

Io lo avevo da quando ero studentessa. Ma principalmente l’ho aperto per mettere mie foto in lingerie e foto dei piedi. Non mi interessa del guadagno. Io non lo uso mettendo contenuti porno. Metto contenuti che puoi vedere da qualsiasi ragazza ormai su Instagram, quindi forse non sono la tipica ragazza OnlyFans che pubblica nudo. 

Tu hai dovuto superare dei controlli per diventare una creator?  

Si, per pubblicare e per registrarti devi essere maggiorenne, io ho dovuto inserire carta di identità. 

E’ fuori discussione che ci sia una sex culture in espansione, ed il fatto che anche delle minorenni vendano dei nudi non è un caso. Credi che Onlyfans possa essere reputato responsabile? 

Allora, è diverso, sono d’accordo che OF  – onlyfans – sia stato il principale motivo per un’espansione così sfrenata della vendita di nudo, ma le minorenni lo fanno principalmente su IG – Instagram – o Twitter. 

Va bene, grazie per l’intervista. 

Grazie a te. 


Print Friendly and PDF

TAGS